Il 24 aprile aprono le iscrizioni del Collontrek: 800 i posti disponibili Una 22 chilometri di alta montagna dall’Italia alla Svizzera

0
280

Dall’Italia alla Svizzera attraverso i sentieri dei contrabbandieri. Anche quest’anno verrà riproposto il Collontrek, giunto ormai alla quarta edizione e in programma il fine settimana del 4 e 5 settembre 2015.

Il conto alla rovescia per l’apertura delle iscrizioni è ormai iniziato. Dal 24 aprile sarà caccia a uno degli 800 pettorali messi a disposizione dagli organizzatori. Un tetto massimo che proprio quest’anno è stato alzato. Saranno in ogni caso ammessi non più di 500 partecipanti per nazione. Le iscrizioni rimarranno aperte fino al raggiungimento del contingente massimo o, in alternativa, fino a 15 giorni prima della manifestazione.

Il Collontrek è una gara affascinante e atipica di alta montagna che viene corsa sempre sopra i 2.000 metri di altezza. Lungo i 22 Km di gara (1.250 metri D+) agonisti e amatori potranno ammirare i paesaggi a cavallo tra l’Italia e la Svizzera. Il Collontrek infatti partirà dalla Valle d’Aosta (Bionaz) e arriverà ad Arolla, nella Val d’Hérens, attraversando il ghiacciaio di Arolla e il Col Collon, il punto più alto della corsa con i suoi 3.080 metri.

Diverse le novità introdotte dagli organizzatori. Oltre a innalzare il numero massimo di partecipanti, è stata introdotta una nuova categoria “Misti 2”, riservata alle coppie con un totale dell’età superiore a 68 anni. Inoltre è già individuato un tracciato sostituivo che garantirà in ogni caso lo svolgimento della corsa in totale sicurezza.

Due gli orari di partenza previsti. Ogni squadra potrà scegliere all’atto dell’iscrizione quando iniziare l’avventura. Gli organizzatori consigliano comunque lo start alle 8.30 per gli “amatori” e alle 9.15 per gli “atleti”. Tante le iniziative collaterali che verranno proposte al traguardo e che sono in via di definizione.

Il Collontrek è organizzato dalla Comunità Montana Grand Combin e dall’Associazione che racchiude i Comuni della Val d’Hérens. Maurizio Lanivi, organizzatore anche del trail e del vertical “Becca di Viou” e Laurent Pitteloud sono i referenti rispettivamente per l’Italia e la Svizzera della manifestazione.

Print Friendly, PDF & Email