Pubblico o privato?

0
359

l_163_TAGLI-1L’assistenza sanitaria è l’insieme di provvidenze, prestazioni ed iniziative finalizzate alla promozione, alla prevenzione o alla cura della salute”. Con queste parole – che hanno uno specifico valore legale riconosciuto in Italia – lo stato riconosce il diritto di ogni singolo cittadino a livello medico e ospedaliero. Nel 2007 l’Oms ha esaltato il sistema tricolore con un secondo posto a livello mondiale per capacità e qualità dell’assistenza. Sembra passata un’era, invece non è trascorso neanche un decennio e la classifica sembra completamente ribaltata. La sanità pubblica ha costi in continuo aumento e non è un caso che molti operatori sanitari spingono molto soprattutto sulla prevenzione, visto che entro pochi anni difficilmente una società in crisi come quella italiana potrà continuare a permettersi un servizio nazionale di alto livello. I recenti aumenti dei ticket sanitari (i rincari si attestano oltre il 30%) confermano questa tesi. Se aggiungiamo che diversi professionisti offrono il loro tempo libero all’interno di varie associazioni proprio per sensibilizzare e far passare il messaggio della prevenzione, assente (sempre per motivi di costi) da molto tempo sui cartelloni pubblicitari delle Asl locali. Il quadro peggiora. Se la sanità pubblica non sorride, quella privata non è da meno. Il picco di popolarità e fruibilità delle cliniche c’è stato qualche anno fa, quando una delle frasi più diffuse tra i pazienti riguardava soprattutto la grande disponibilità di quelle strutture. “La sanità pubblica ha tempi biblici, quella privata in poche ore risolve il problema con un costo decisamente conveniente” era un vero e proprio cult. Oggi che la crisi c’è e si sente diventa più difficile fare scelte oculate con tempestività. I dati parlano comunque di una grande fruizione dei vari pronto soccorso (definiti dall’Asl “punti di primo soccorso”) che al momento non sono ancora stati tagliati dalle varie Regioni. Discorso inverso per operazioni più lunghe e complicate, visto che diverse eccellenze della sanità pubblica sono state tagliate anche a livello locale. Per questo caso sono sempre più gli italiani che aprono i cordoni della borsa per rivolgersi alle strutture private.

Luca Piana

Print Friendly, PDF & Email