4.9 C
Alessandria
giovedì, Gennaio 20, 2022

Senologia: prevenzione

A sei mesi dal progetto “Giro Vita” continua la prevenzione al tumore della mammella

L’educazione alimentare per intervenire su un fattore di rischio modificabile

Grafici-Convegno-RotaryNon ne parleremo mai abbastanza: il lavoro della Senologia dell’ospedale di Tortona è assolutamente indispensabile, non soltanto necessario. Il tumore alla mammella è il più frequente fra la popolazione femminile ed è la prima causa di morte, infatti, nella provincia di Alessandria il numero medio annuo di nuovi casi è di 370 con un tasso standardizzato sulla popolazione mondiale del 74,7% ogni 100mila abitanti nettamente superiore a quello dell’intera regione Piemonte che è del 58,2. La dottoressa Maria Grazia Pacquola ha le idee chiare: bisogna andare avanti e cercare dove possibile di intervenire sui fattori di rischio. Se è un dato che l’inquinamento ambientale è uno di questi ma difficilmente modificabile, lo stile di vita, almeno quello, può essere modificato per arginare il rischio e quindi fare vera prevenzione sul territorio. Gli obiettivi della Senologia sono quelli di garantire una diagnosi la più precoce possibile, corretta e preventiva; tutto questo è possibile con strumenti tecnologici adeguati, esperienza e aggiornamento professionale e metodologia interdisciplinare. Tutti i progetti e il lavoro quotidiano della Senologia è stato possibile fino ad oggi grazie a una sorta di joint venture tra pubblico e privato, con la collaborazione dei volontari e delle associazioni per recuperare i fondi necessari. Il progetto Giro Vita e Prevenzione Oncologica nell’ambito dello studio regionale della Rete Oncologica su Follow- up e Stili di Vita, dopo sei mesi ha prodotto risultati molto interessanti: su 74 donne in cura per tumore alla mammella all’inizio dello studio il 46% era obeso, il 33% sovrappeso, il 20% normopeso e soltanto l’1% sottopeso; questo dato scientificamente rivela che il sovrappeso è un fattore di rischio per questo tipo di tumore ma anche per quello del colon-retto. Dopo sei mesi di dieta, curata dalla dottoressa Stefania Maffei, il 35% è obeso, il 34% sovrappeso, il 30% normopeso e resta invariato l’1% sottopeso. Il girovita era oltre gli 88 cm, quindi a rischio in 55 donne, mentre, dopo sei mesi soltanto 41 superano ancora gli 88 cm.
Il progetto deve continuare e deve coinvolgere la popolazione sana, prevenire il tumore iniziando a modificare gli stili di vita è possibile, inoltre i dati sulle donne già con diagnosi di tumore alla mammella ci diranno tra cinque anni di quanto si sarà abbassato il rischio di recidiva unendo alle cure anche un’alimentazione corretta, è per questi motivi che la dottoressa Pacquola continuerà con la gente la sua battaglia e i cittadini non possono che essere con lei.

Fausta Dal Monte

Articolo precedenteLa dieta per le donne
Articolo successivoFocus sul Venezuela
Fausta Dal Monte
Giornalista professionista dal 1994, amante dei viaggi. "La mia casa è il mondo"
0 0 voti
Valutazione articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
- Advertisement -

Popolari

Social

4,523FansMi piace
3,520FollowerSegui
2,512FollowerSegui
Zapping sfoglia PDF online
Zapping Casa sfoglia PDF online
Zapping da Leggere sfoglia PDF online

Ultimi articoli

0
Vorremmo sapere cosa ne pensi, scrivi un commento.x
()
x