Martedì 3 dicembre, 337° giorno dell’anno, 49^ settimana. Alla fine
del 2019 mancano 28 giorni

0
437
Franz Klammer, il più grande discesista di sempre, compie oggi 66 anni

FRASE DEL GIORNO – Cos’è la sconfitta? Nient’altro che educazione, il primo passo verso qualcosa di meglio. (Bruce Lee)

SANTI DEL GIORNO – San Francesco Saverio (Sacerdote, protettore di missionari, marinai, turisti), San Birino di Dorchester (Vescovo), San Cassiano di Tangeri (Martire), San Sofonia (Profeta).

EVENTI DEL GIORNO – Nel 1906 fu fondato l’F.C. Torino. In una birreria di via Pietro Micca a Torino nacque il Football Club Torino, in seguito alla fusione tra l’FC Torinese (che nel 1900 aveva assorbito l’Internazionale Torino) e un gruppo di dissidenti della Juventus. Cambiò anche la maglia: non più giallonera a strisce verticali, ma granata. Nella sua storia il ‘Toro’ ha vinto 7 scudetti, 5 Coppe Italia, 3 campionati di B, 1 Coppa Mitropa, più una infinità di trofei giovanili. Negli anni ’40 il “Grande Torino” vinse 5 scudetti di fila e portò 10 giocatori in Nazionale contemporaneamente, ma il 4 maggio ’49 rimase vittima di un incidente aereo, la “Tragedia di Superga”, in cui perirono tutti.
Nel 1967 fu eseguito il primo trapianto di cuore. Fu il valente chirurgo sudafricano Christiaan Barnard ad entrare nella storia della medicina col trapianto di cuore sul 55enne Louis Washkansky. Specializzato in chirurgia cardiotoracica negli Usa, Barnard mise a frutto quell’esperienza in Sud Africa creando la prima unità coronarica del Groote Schuur Hospital di Città del Capo. Nel 1967 gli si presentò la grande occasione che attendeva: Washkansky era affetto da grave cardiopatia e fu fortunato, perché un uomo generoso, a cui un incidente stradale portò via la moglie e condannò la figlia 25enne a una morte imminente, diede il consenso all’espianto per salvare una vita. L’intervento riuscì, ma il paziente morì 18 giorni dopo per una polmonite causata da una crisi di rigetto. Barnard e altri ricercatori risolsero il problema fra i ’70 e gli ’80 con la scoperta della  ‘ciclosporina’ come farmaco antirigetto. Il 1° trapianto cardiaco in Italia venne effettuato nel 1985 dal professor Vincenzo Gallucci.

NATI DEL GIORNO – Joseph Conrad (1857-1924), Polonia, scrittore e navigatore.
Tra i grandi maestri del romanzo europeo dell’800, nacque a Berdyčiv (oggi in Ucraina) come Józef Teodor Konrad Korzeniowski e fu naturalizzato britannico. Si imbarcò giovanissimo viaggiando in Estremo Oriente, Sudamerica e Africa e raccogliendo preziose esperienze umane e culturali, tradotte in romanzi avvincenti. Il capolavoro assoluto fu  “Cuore di tenebra” (1899), fonte d’ispirazione del kolossal “Apocalypse Now” del 1979.
Jean-Luc Godard (1930), Francia, regista. Fu tra i fondatori della “Nouvelle Vague”, di cui fu manifesto cinematografico il suo film “Fino all’ultimo respiro” (’59). Nato a Parigi, la sua attività di critico e di regista si indirizzò all’innovazione del linguaggio, intercettando il retroterra ideologico e culturale del ’68. Tra i riconoscimenti più prestigiosi il Leone d’oro alla carriera nel 1982 e l’Oscar alla carriera nel 2011.
Ozzy Osbourne (1948), Inghilterra, cantante e musicista. “Padrino dell’heavy metal”, ha fatto la storia della variante “aggressiva” del rock. Nato a Birmingham col nome John Michael Osbourne, fin dalla scuola prese il soprannome ‘Ozzy’, perché non riusciva a dire il cognome per via di dislessia e balbuzie. Ciò non gli impedì di diventare, nei ’70-’80, una star internazionale della musica rock, prima come frontman dei “Black Sabbath” e poi da solista, vendendo complessivamente 100 milioni di dischi. La popolarità fu legata anche agli atteggiamenti trasgressivi e agli eccessi, che gli procurarono diversi problemi con la legge.
Gianni De Magistris (1950), Italia, ex-pallanuotista e allenatore. Nato a Firenze, giocò con Rari Nantes Florentia con cui vinse 2 scudetti (’76 e ’80), vincendo la classifica marcatori della A per 16 volte. In Nazionale giocò 388 volte, disputò 5 Olimpiadi (argento nel ’76), mentre ai Mondiali vinse il bronzo ’75 e l’oro ’78. Da allenatore della ‘femminile’ di Firenze, vinse nel ’06-’07 scudetto, Coppa dei Campioni e Supercoppa europea.
Franz Klammer (1953), Austria, ex-sciatore. Nato a Mooswald, è considerato il più bravo discesista di tutti i tempi. Conquistò la Coppa del mondo di specialità 5 volte, vinse l’oro Mondiale in combinata a Sankt Moritz ’74 e l’oro Olimpico nella gara di discesa libera dei Giochi invernali di Innsbruck ’76.

Print Friendly, PDF & Email