I traguardi del progetto “Giro vita e prevenzione oncologica”

0
784

Una gara fra prelibati agnolotti della provincia di Alessandria a Villa Bottaro, uno splendido concerto alla Pieve di S. Remigio a Parodi Ligure: IL TANGO ELEGANTE con la strepitosa fisarmonica di Gianluca Campi che dialoga con il quintetto d’archi dell’Orchestra classica di Alessandria, un vivace torneo di burraco giocato con entusiasmo al Golf Club delle Colline del Gavi:
ecco il tris vincente di iniziative che il Rotary Club di Gavi Libarna ha organizzato insieme ai quattro club Rotary di Tortona, Novi Ligure, Acqui Terme, Ovada per contribuire al Progetto chiamato “GIRO VITA E PREVENZIONE ONCOLOGICA” attraverso l’acquisto di un’apparecchiatura, l’impedenziometro.
La nostra salute è un diritto sancito dalla Costituzione italiana a cui dedicare attenzione, educazione, impegno perché la salute non è solo un prezioso bene individuale ma anche sociale.
A tavola, durante la giornata di ciascuno di noi, ci sono tanti gesti che concorrono a riempire di contenuto quel diritto.
Il Progetto del GIRO VITA, che è in fase di realizzazione presso l’Unità di Senologia dell’ospedale di Tortona, aveva bisogno di quello strumento, dal nome un po’ ostico e dal costo importante, per inquadrare ciascun paziente affetto da cancro al seno, o con alto fattore di rischio, sotto il profilo metabolico (massa magra­­/massa grassa, indice di massa corporea, giro vita), per costruire una dieta personalizzata e uno stile di vita che sia vincente sulla malattia, sul rischio che si presenti, sulla possibilità che si ripresenti.
Grazie davvero a tutti gli amici rotariani e a quanti hanno risposto generosamente al loro invito per aver realizzato l’obiettivo. Dalla prossima settimana l’impedenziometro, accuratamente configurato, verrà messo all’opera, insieme alla nutrizionista, per contribuire a mantenere la promessa di stare un passo avanti al cancro, che è il compito affidato all’Unità di Senologia di Tortona dall’ASL e dalla nostra popolazione. Con l’aiuto Rotary abbiamo fatto un passo avanti!

 

Maria Grazia Pacquola, responsabile Breast Unit ASL AL

Print Friendly, PDF & Email