Vittorio Cecchi Gori, 80 anni oggi, fu senatore, presidente della Fiorentina, produttore cinematografico e televisivo

Frase del giorno

Non c’è nulla che le malelingue non possano peggiorare. (Publio Terenzio Afro)

Santi del giorno

Santa Zita (Vergine, protettrice di domestiche e fornai), San Liberale, San Pollione di Cibali (Martire), Sant’Antimo di Nicomedia (Martire).

Accadde oggi

  • 1992 nacque la Repubblica federale di Jugoslavia, formata da Serbia e Montenegro, dopo la secessione di Slovenia e Croazia.
  • 1997 Andrew Cunanan uccise Jeffrey Trail: il primo di cinque delitti fra cui, nel luglio successivo, quello dello stilista Gianni Versace.
  • 2014 papa Francesco dichiarò Santi i papi Giovanni Paolo II e Giovanni XXIII, alla presenza del papa emerito Benedetto XVI.
  • 2018 il presidente nordcoreano Kim Jong-un incontrò il collega del sud Moon Jae-in: dopo 65 anni un capo nordcoreano in Corea del Sud.

Nati famosi

  • Vittorio Cecchi Gori (1942), Italia, imprenditore, politico. Nato a Firenze, figlio del cine-produttore Mario, ereditò azienda e Fiorentina nel ’93. Entrò nella TV creando il 3° polo: acquistò (’95) Videomusic, TMC e quote di Telepiù.  Produsse ‘Il postino’ (Oscar) e ‘La vita è bella’ (3 Oscar). Senatore PPI ’94-’96, si fidanzò con Maria Grazia Buccella, sposò Rita Rusic (’83-’00), poi relazioni con Valeria Marini e Mara Meis. Ebbe processi per riciclaggio e bancarotta, tra cui il fallimento della Fiorentina. Sta scontando 8 anni e mezzo ai ‘domiciliari’.
  • Paolino Pulici (1950), Italia, ex calciatore e allenatore. Nato a Roncello (MB), fu attaccante di Legnano, Torino, Udinese, Fiorentina (525-189) vincendo 1 scudetto e 2 Coppe Italia (Torino), 3 volte capo-cannoniere.  Con 172 gol è il 1° marcatore della storia del ‘Toro’ davanti a Ferrante (125), Valentino Mazzola (123) e Ciccio Graziani (122). In Nazionale giocò poco (19-5).
  • Riccardo Iacona (1957), Italia, giornalista. Nato a Roma, laureato in Lettere e Filosofia, iniziò da aiuto regista. A fine anni ’80 entrò a RaiTre e lavorò a ‘Scenario’, ‘Duello’, ‘Samarcanda’, ‘Il Rosso e il nero’ e ‘Temporeale’. Collaborò con Santoro, lo seguì a Mediaset, autore di ‘Moby Dick’ e ‘Moby’s’. Tornò in Rai con Santoro e fece ‘Circus’ e ‘Sciuscià’. Dal ’04 firmò inchieste sulla vita italiana (RaiTre), nel ’08 realizzò 2 reportage su Afghanistan e Kosovo. Dal ’09 conduce ‘Presa diretta’ su RaiTre e ha vinto i premi ‘Alpi’, ‘Flajano’, ‘Itaca’ e ‘Sulmona’.

Di Raimondo Bovone

Ricercatore instancabile della bellezza nel Calcio, caparbio "incantato" dalla Cultura quale bisettrice unica di stile di vita. Si definisce "un Uomo qualunque" alla ricerca dell'Essenzialità dell'Essere.