Commissari ed ispettori della Polizia di Stato formati per il progetto CHIRONE

0
581

Stamani, nell’Aula Magna della Scuola Allievi Agenti di Alessandria, è iniziata la parte operativa del PROGETTO CHIRONE, con un seminario dedicato alla formazione del personale della Polizia Stradale e della Polizia Ferroviaria in materia di vicinanza alle vittime ed ai loro familiari.

Dopo i saluti del Dirigente del Compartimento di Polizia Stradale del Piemonte e Valle d’Aosta, dott. Mario NIGRO, del Questore di Alessandria, dott. Andrea VALENTINO, e del Direttore della Scuola, dott. Bruno DI RIENZO, tutti i Comandanti delle Sezioni, Sottosezioni e Distaccamenti della PolStrada del Nord Ovest, insieme ai loro colleghi degli uffici infortunistica, ed i Comandanti delle Sezioni di Polizia Ferroviaria ovvero più di un centinaio di Commissari ed Ispettori della Polizia di Stato delle due Regioni, hanno affrontato una giornata di studio ed approfondimento della complessa situazione di chi subisce un crimine, alla presenza di Funzionari e Psicologi della Polizia di Stato.

Il “Progetto Chirone” nasce per adeguare gli standard formativi degli Operatori di Polizia al livello utile per evitare la cosiddetta “vittimizzazione secondaria”, che insorge dopo un trattamento non appropriato o addirittura non rispettoso della fragilità o della dignità di chi ha subito un evento drammatico, e per formare gli Operatori ad agire nel modo più adeguato, anche sotto il profilo psicologico, nei delicati passaggi per supportare e sostenere chi ha perso un familiare, aspetti che devono essere gestiti con attenzione, competenza e sensibilità.

Il Poliziotto “Chirone”, dal nome del Centauro più saggio e compassionevole, è formato con procedure complesse e scientificamente validate, ed interviene, riconoscendo le necessità dei familiari, con gesti, parole, attenzioni che esprimono una sensibilità rinnovata e moderna della Polizia di Stato nell’interpretare i bisogni di sicurezza del cittadino.

Il lavoro del Gruppo di studio “Chirone” è stato costantemente supportato, nella ricerca scientifica e metodologie di ricerca, dal Dipartimento di Psicologia della Facoltà di Medicina dell’Università “La Sapienza” di Roma.

Print Friendly, PDF & Email