30.1 C
Alessandria
lunedì, Agosto 15, 2022

Intelligenza artificiale in sanità: un appuntamento Ospedale-Università

Intelligenza artificiale in sanità: un appuntamento Ospedale-Università 

Il prossimo 5 luglio un pomeriggio di lavoro che illustra progettualità e prospettive

Il prossimo 5 luglio, dalle 14 alle 17, torna il tradizionale appuntamento della Giornata Scientifica estiva, dedicata a come l’intelligenza artificiale può impattare nei percorsi di salute: titolo dell’iniziativa “INTELLIGENZA ARTIFICIALE IN SANITÀ: LA RICERCA COME PUNTO DI INCONTRO” con lo specifico obiettivo di evidenziare il ruolo della ricerca.

“La digitalizzazione e la reingegnerizzazione dei processi sanitari stanno creando le basi affinché l’intelligenza artificiale possa realmente impattare la sanità in tutti i processi clinici, diagnostici e di supporto”, come spiegano i responsabili scientifici della Giornata Annalisa Roveta (responsabile Laboratori di Ricerca Dairi) e Paolo Terenziani (Istituto di informatica DISIT – UPO). “Sono consolidati i rapporti tra il Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica diretto da Leonardo Marchese e il Dipartimento Attività Integrate Ricerca e Innovazione diretto da Antonio Maconi e sono numerose le progettualità che stanno investigando possibili risposte. Il tema è attuale ma estremamente complesso, anche dal punto di vista normativo: per questo motivo abbiamo chiesto a Serena Quattrocolo, che dirige il Dipartimento di Giurisprudenza e Scienze Politiche, Economiche e Sociali di aprire i lavori con un quadro normativo generale sull’’intelligenza artificiale”

Il programma prevede poi due sessioni, una dedicata alla relazione dei docenti dell’Istituto di Informatica del Disit che hanno sviluppato o stanno sviluppando progettualità, con un commento dei sanitari che calano nella realtà le progettualità indicate. Aggiungono Roveta e Terenziani: “Tra questi progetti, alcuni sono già stati sottomessi a bandi, mentre è un piacere evidenziare che il progetto dedicato al machine learning per la previsione del rischio in pazienti ospedalizzati COVID-19 è stato insignito di un premio scientifico”

Una terza sessione sarà dedicata alla telemedicina, con un primo intervento di Paola Varese (Direttore Struttura Complessa Medicina a indirizzo oncologico Ovada ASL AL) che illustrerà il progetto in corso sul territorio della provincia di Alessandria, mentre una seconda parte sarà orientata alla telemedicina nell’ambito delle professioni sanitarie, con le esperienze di Tatiana Bolgeo (Referente Unità di Ricerca delle Professioni Sanitarie, DAIRI), Noemi Giannetta (UniCamillus-Saint Camillus International University of Health and Medical Sciences-Roma), Gloria Liquori (Department of Biomedicine and Prevention, Tor Vergata Università degli Studi di Roma), Aurora De Leo (Department of Biomedicine and Prevention, Tor Vergata Università degli Studi di Roma).

Fausta Dal Monte
Giornalista professionista dal 1994, amante dei viaggi. "La mia casa è il mondo"
0 0 voti
Valutazione articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
- Advertisement -

Popolari

Social

4,523FansMi piace
3,520FollowerSegui
2,512FollowerSegui
Zapping sfoglia PDF online
Zapping Casa sfoglia PDF online
Zapping da Leggere sfoglia PDF online

Ultimi articoli

0
Vorremmo sapere cosa ne pensi, scrivi un commento.x