Arquata: cibo, cultura e identità di un territorio

0
1195

Il 2018 è, “l’anno internazionale del cibo italiano nel mondo” dedicato dall’ONU al turismo sostenibile. Il comune di Arquata nell’ottica di promuovere il cibo di qualità ha organizzato, il 20 giugno, un nuovo evento “Arquata a tutta pizza! Lievito, acrobazia e un po’ di magia “. Essendo la pizza il cibo che rappresenta l’Italia nel mondo, tutti gli esercenti arquatesi offriranno l’opportunità di festeggiare l’estate in allegria. Il programma è una vera novità, è quasi pronto e a breve verrà pubblicizzato.

Anche la  dodicesima rassegna di AR. QUA. TRA. che si terrà il 22 -23 settembre 2018, organizzata dal Comune di Arquata e riconosciuta dalla Regione Piemonte, pone l’attenzione sul tema “ARQUATA: CIBO , CULTURA E IDENTITA’DI UN TERRITORIO”. L’obiettivo è sensibilizzare i cittadini e le imprese locali sulla necessità di valorizzare i caratteri culturali e naturali del Territorio. Il percorso della rassegna arquatese pone l’accento su parole chiave come artigianato, qualità, eccellenza, tradizione, potenzia l’intreccio fra cibo, arte e paesaggio, elementi di identità culturale.

Quindi il cibo sarà il vero protagonista e darà il via a manifestazioni, iniziative, eventi legati alla cultura e alla tradizione enogastronomica del paese e del Territorio. La kermesse – come sottolinea l’assessore alla cultura e al turismo del Comune di Arquata Scrivia, Nicoletta Cucinella – ottimizza all’interno le nostre eccellenze regionali e promuove l’enogastronomia fortemente radicata sul Territorio.  Arquata a tutta pizza! rappresenta una novità e vuole essere uno stimolo a conoscere e RI-conoscere il buon cibo italiano, AR.QUA.TRA. è invece un riferimento turistico e direi che quest’anno diventerà un grande laboratorio e-laboratorio di idee proprio sul tema centrale del cibo.  La proposta è indirizzata a tutti, ma in particolare a chi è attento alla grande qualità e ai valori che la storia dell’agroalimentare rappresenta”.  Basta ai cibi preconfezionati senza identità  e avanti ai cibi  dei ricordi che ci connotano e ci conquistano.

 

Print Friendly, PDF & Email