Brevi di cronaca

0
1178

Alessandria.

E’ stato condannato a sei mesi e venti giorni di reclusione per resistenza a pubblico ufficiale Hysa Mehmet, cittadino albanese di 46 anni, pluripregiudicato, già colpito da un ordine di lasciare il territorio nazionale emesso dal Questore di Alessandria perché clandestino, che al termine dell’udienza direttissima del 25 novembre è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. La condanna è conseguenza dei fatti accaduti il 23 novembre quando, alle 22.00 circa, una pattuglia di Valenza interveniva in una sala slot perché una dipendente del locale era stata minacciata da un albanese. Quando arrivavano sul posto, i militari trovavano il 46enne che beveva una birra e una dipendente dell’esercizio pubblico, impaurita e in lacrime, che riferiva che l’uomo l’aveva più volte molestata e minacciata per avere da lei 50 euro altrimenti avrebbe sfasciato il locale. Mentre i carabinieri ricostruivano quanto accaduto e identificavano il 46enne, già ben conosciuto perché autore di fatti analoghi anche in quella stessa sala slot, l’uomo li provocava pesantemente, colpendo improvvisamente una zuccheriera. Visto che l’uomo era visibilmente ubriaco e assumeva atteggiamenti violenti, i militari portavano fuori dal locale l’uomo il quale, nel frattempo, li minacciava ripetutamente affermando che avrebbe comprato una pistola e li avrebbe ammazzati. I militari lo perquisivano per cercare eventuali armi in suo possesso, ma il 46enne spintonava uno dei militari cercando di colpirlo. A quel punto, veniva immobilizzato, ammanettato e arrestato per violenza privata e resistenza a pubblico ufficiale, continuando anche in caserma a minacciare tutti i presenti. Trattenuto nelle camere di sicurezza della Compagnia di Alessandria, veniva accompagnato in Tribunale per la direttissima del 25 novembre conclusasi con la sua condanna per il solo reato di resistenza a pubblico ufficiale e il rinvio dell’udienza per il reato di violenza privata. Al termine dell’udienza veniva sottoposto alla misura degli arresti domiciliari.

Solero.

I Carabinieri della Stazione di Solero hanno denunciato per porto di oggetti atti ad offendere un cittadino rumeno di 40 anni, pregiudicato, senza fissa dimora. Alle 21.00 del 27 novembre una pattuglia controllava a Solero sulla SP 10, nei pressi della zona industriale, un veicolo con targa rumena condotto dal 40enne. Visto che l’uomo mostrava uno strano nervosismo e non giustificava la sua presenza in quella zona, veniva perquisito, estendendo il controllo anche al veicolo a lui in uso. Durante la perquisizione dell’auto venivano rinvenuti, nel cassetto portaoggetti, un coltello a serramanico e un cutter di grosse dimensioni di cui non sapeva giustificare il possesso. Le armi da taglio venivano sequestrate e l’uomo venivano denunciato all’Autorità Giudiziaria.

San Giuliano Vecchio.

I Carabinieri della Stazione di San Giuliano Vecchio hanno denunciato per furto aggravato di energia elettrica un cittadino italiano di 47 anni, pregiudicato. A fine ottobre si presentava presso la Stazione di San Giuliano un uomo, proprietario di una casa nella zona, il quale il giorno precedente aveva fatto intervenire personale dell’Enel per verificare la forzatura del contatore dell’abitazione finalizzata a un allaccio abusivo diretta alla rete elettrica. L’uomo riferiva che la casa era stata da lui abitata fino al 2011 e poi ceduta al 47enne dall’agosto 2014. Quest’ultimo però non stipulava alcun contratto per la fornitura di elettrica, ma forzava il contatore per realizzare un allaccio abusivo per il prelievo irregolare di energia elettrica anche per scopi di riscaldamento della casa in sostituzione del metano. Il personale dell’Enel effettuava i conteggi, accertando che l’uomo aveva prelevato irregolarmente circa 31.500 kwh per un valore economico complessivo di oltre 5.500 euro. L’uomo, che altre volte era stato denunciato per fatti analoghi, veniva nuovamente denunciato all’Autorità Giudiziaria per il furto di corrente elettrica.

Bassignana.

I Carabinieri della Stazione di Bassignana hanno denunciato per uso di atto falso e falsità materiale commessa dal privato un cittadino italiano di 40 anni. Una pattuglia, alle 21.00 circa del 24 novembre, fermava un’auto lungo la SS 494 nei pressi di Valenza, condotta dal 40enne e di proprietà della sua convivente. I militari contestavano all’uomo la mancanza della copertura assicurativa, ma il 40enne prendeva dall’abitacolo e consegnava ai militari una targa prova cartacea, copia dell’originale che però non aveva con sé. Inoltre, sul lunotto posteriore aveva esposto una copia cartacea di un’altra targa prova. A quel punto le targhe prova cartacee venivano sequestrate perché copia di quella originale, la cui riproduzione è ovviamente vietata per impedire che la stessa targa prova possa essere utilizzata contemporaneamente su più vetture. Il veicolo veniva sottoposto a fermo amministrativo e l’uomo veniva denunciato all’Autorità Giudiziaria.

Solero.

I Carabinieri della Stazione di Solero hanno segnalato alla Prefettura quali assuntori di stupefacenti due minorenni sorpresi in possesso di stupefacenti. I militari nel pomeriggio del 26 novembre controllavano un parco comunale a Quargnento dove era stata segnalata la presenza di alcuni giovani che si radunavano nel posto per usare stupefacenti. Nel corso del servizio svolto in abiti civili i militari notavano e fermavano i due giovani che venivano perquisiti e trovati rispettivamente in possesso di due e un grammo di hashish. A quel punto lo stupefacente veniva sequestrato e i due venivano accompagnati in caserma a Solero dove venivano convocati i loro genitori ai quali venivano riaffidati i minori che venivano ovviamente segnalati alla Prefettura quali assuntori di stupefacenti.

Serravalle Scrivia.

Il 25 novembre 2016 i Carabinieri di Serravalle Scrivia, nell’ambito di un servizio finalizzato alla prevenzione di furti e borseggi, deferivano in stato di libertà una cittadina italiana di anni 45 residente nel comune di Serravalle S., sorpresa a rubare dei capi d’abbigliamento presso il punto vendita “SCARPE & SCARPE” di Serravalle Scrivia.

In occasione delle festività di Santa Caterina, nell’ambito di servizi mirati volti alla prevenzione di incidenti stradali legati all’abuso di sostanze alcoliche e stupefacenti, nella nottata del 26 Novembre il Nucleo Radiomobile della Compagnia Carabinieri ha denunciato in stato di libertà due cittadini italiani di anni 48 e 27, colti alla guida dei propri veicoli con tasso alcolemico superiore ai limiti tollerati. Inoltre un cittadino straniero di 37 anni è stato denunciato in stato di libertà poiché illegale nel territorio Italiano.

Infine nella Giornata del 27 Novembre, nell’ambito dei servizi di ordine pubblico finalizzati al contenimento del fenomeno dell’abusivismo per le vie centrali del Comune di Novi Ligure, i militari della locale Stazione Carabinieri hanno tratto in arresto un cittadino Senegalese di anni 51 che, per fuggire ad un controllo di polizia, ha tentato di darsi alla fuga, provocando la caduta di una passante. Prontamente bloccato dai militari, ha opposto resistenza alle operazioni di Polizia, tentando di divincolarsi dalla presa spintonando i militari. Allo stesso venivano sequestrati amministrativamente alcuni capi di vestiario non contraffatti.

Print Friendly, PDF & Email