Venerdì 15 maggio, 136° giorno
dell’anno, 20^ settimana. Alla fine del 2020 mancano 230 giorni (bisestile)

0
1148
La ONG italiana 'Emergency' venne fondata dal dr. Gino Strada nel 1994

FRASE DEL GIORNO – Ho visto, ovunque, la stessa schifezza, il macello di esseri umani. Ho visto la brutalità e la violenza, il godimento nell’uccidere un nemico indifeso. (Gino Strada)

SANTI DEL GIORNO – San Torquato (Vescovo di Cadice, protettore di agricoltori, braccianti e birocciai), Sant’Isidoro (l’agricoltore Laico), San Caleb (o Elesbaan, Elsebaan – Re d’Etiopia), San Liberatore (Vescovo e Martire), San Reticio (Vescovo), San Witesindo di Cordova (Martire), Sant’Ellero (Ilaro) di Galeata (Abate), Sant’Eutizio di Ferento (Martire), Santa Cesarea (Eremita ad Otranto).

EVENTI DEL GIORNO – Nel 1994 Gino Strada fondò Emergency. Il medico italiano, specializzato in chirurgia d’urgenza, alla soglia dei 40 anni decise di dedicarsi alla chirurgia traumatologica e in particolare alle vittime di guerra. Per questo entrò a far parte del Comitato Internazionale della Croce Rossa, per il quale dall’89 al ’94 prestò soccorso nei teatri di guerra di vari continenti. Una domenica sera del maggio ’94, un gruppo di amici e colleghi di Strada e di sua moglie Teresa Sarti si diede appuntamento al ristorante “Il Tempio d’oro” di Milano, tutti disposti a impegnare tempo e risorse in una nuova associazione umanitaria. Nacque così “Emergency”, ONG che riunisce medici, infermieri ed esperti di edilizia e logistica, che portano aiuto nelle zone di guerra e alle vittime della guerra in tempo di pace. La ONG ‘Emergency’, finanziata da donazioni pubbliche e private, impegna 3.000 persone e ha chiuso il bilancio 2017 a 52 milioni di euro.

NATI FAMOSI – Pierre Curie (1859-1906), Francia, fisico. Pioniere nello studio di fenomeni come il magnetismo e la radioattività, viene annoverato tra i più autorevoli fisici della storia. Nato a Parigi, Pierre fu attratto fin da piccolo dal sapere scientifico, in particolare da matematica e fisica, in cui si laureò rispettivamente a 16 e 18 anni. Con il fratello Jacques scoprì la ‘piezoelettricità’, ossia “la proprietà di alcuni cristalli di generare una differenza di potenziale quando sono soggetti ad una deformazione meccanica”, il cui effetto inverso è oggi alla base della maggior parte dei circuiti elettronici digitali.
Con la moglie Marie, sposata nel 1895, vinse il Nobel per la Fisica 1903, condiviso con Becquerel per gli “straordinari servigi che essi hanno reso grazie alle loro ricerche congiunte sui fenomeni di radioattività”.
Tania Cagnotto (1985), Italia, ex-tuffatrice. Nata a Bolzano, figlia d’arte, è considerata la più grande tuffatrice italiana di tutti i tempi e ha chiuso la carriera a metà maggio ’17, dopo un milione di tuffi. Il padre Giorgio, uno dei più bravi al mondo nella sua epoca, e la madre Carmen Casteiner, che primeggiava a livello italiano, le hanno trasmesso l’arte del tuffo.
In carriera vinse 1 argento e 1 bronzo Olimpici, 1 oro, 3 argenti e 6 bronzi Mondiali, 20 ori, 5 argenti e 4 bronzi Europei, addirittura 47 titoli italiani. Nella vita privata sposò Stefano Parolin all’isola d’Elba il 24 settembre ’16 e poi nacque la figlia Maya, il 23 gennaio ’18.
Andy Murray (1987), Scozia, tennista. Nato a Glasgow, fu n. 1 della classifica ATP dal 7 novembre ’16 al 20 agosto ’17. Successivamente i persistenti problemi all’anca lo fermarono, facendolo scivolare oltre il n. 800. A gennaio ’19 ipotizzò il ritiro, ma continuò, e ora è n. 129 del mondo. La sua bacheca è molto ricca: 2 titoli a Wimbledon (’13 e ’16), dove interruppe dopo 77 anni il digiuno di vittorie britanniche dopo Fred Perry nel ’36, 1 titolo agli US Open (’12), 1 ATP finals (’16), 1 Coppa Davis (’15 con la Gran Bretagna), 2 ori Olimpici in singolare (’12 e ’16), cui vanno aggiunte 8 finali Slam perse (di cui 5 in Australia). Il suo ‘prize-money’ ATP, cioè il totale dei premi vinti, è di 61.544.007 dollari.

Print Friendly, PDF & Email