Martedì 28 gennaio, 28° giorno dell’anno, 5^ settimana. Alla fine del 2020 mancano 338 giorni (bisestile)

0
1184
Un momento della registrazione della canzone "We are the world", avvenuta il 28 gennaio 1985

FRASE DEL GIORNO – Ogni giorno mi facevo a piedi il percorso di tre autobus: da casa mia alla palestra Fulgor. Non avevo soldi. (Patrizio Oliva)

SANTI DEL GIORNO – San Tommaso d’Aquino (Sacerdote e Dottore della Chiesa, protettore di accademici, fabbricanti di matite, librai, studenti, teologi), San Carlomagno (Imperatore), San Giuliano di Cuenca (Vescovo), Sant’Emiliano di Trevi (Vescovo).

EVENTI DEL GIORNO – Nel 1958 vennero lanciati i mattonicini LEGO, che da più di mezzo secolo divertono sia i piccoli che i grandi con le costruzioni. ‘Lego’ è un produttore di giocattoli danese, noto a livello internazionale per la sua linea di mattoncini assemblabili.
La ditta fu fondata nel 1916 dal falegname danese Ole Kirk Kristiansen e iniziò a produrre i mattoncini in legno nel 1949, ma soltanto il 28 gennaio 1958 venne rilasciato il brevetto del moderno mattoncino in plastica colorata. Il nome ‘LEGO’, coniato nel 1934, deriva dall’unione delle parole danesi “leg godt” che significa “gioca bene”
Nel 1985 fu registrata “We Are the World”. Un cast stellare per combattere la povertà del continente africano. Il progetto ‘Usa for Africa’ riunì motissimi grandi nomi della musica ‘rock’ e ‘pop’ per incidere una canzone che divenne inno universale alla solidarietà verso tutti i popoli del mondo. Tutto nacque da un’idea del “re della musica caraibica” Harry Belafonte, sempre in prima linea per diritti umani e cause umanitarie. Su suggerimento del suo manager pensò di coinvolgere altri colleghi per raccogliere risorse da destinare alla popolazione etiope, colpita da una grave carestia alimentare.

NATI FAMOSIPatrizio Oliva (1959) Italia, ex-pugile. Nato a Napoli, faticò molto per arrivare, ma alla fine il suo palmarés dice: oro olimpico a Mosca 1980 nella categoria ‘Superleggeri’, poi da professionista campione Italiano, Europeo e Mondiale nella stessa categoria. In seguito fu campione d’Europa anche nella categoria ‘Welter’. Appesi i guantoni al chiodo, fu c.t. della Nazionale olimpica ad Atlanta ’96 e Sydney ’00, organizzò eventi del settore, insegnò pugilato e commentò la boxe di Londra ’12 su Sky.
Mario Biondi (1971) Italia, cantante. Nato a Catania come Mario Ranno, prese lo pseudonimo dal padre Giuseppe, cantante, in arte ‘Stefano Biondi’. Col suo timbro vocale basso e profondo, molto vicino a quelli di Barry White, Isaac Hayes e Lou Rawls, Biondi propone un ‘soul jazz’ caldo e passionale, che interpretare con accenti ironici. Mosse i primi passi da corista in chiesa, proprio come i suoi idoli della musica “black” e cominciò a cantare in inglese. Lanciato da Gianni Bella, nel 2004 diventò famoso col singolo “This Is What You Are”, che anticipò il primo album “Handful of Soul”. Da lì in poi il successo continuò ininterrotto con la produzione di 9 album (2 live). Molto riservato nella vita privata, Mario Biondi, che è alto 196 cm, ha avuto 8 figli da 3 donne diverse.
Gianluigi ‘Gigi’ Buffon (1978), Italia, calciatore. Campione del mondo 2006 con la Nazionale Italiana, è considerato il miglior portiere di tutti i tempi. Esordì a 17 anni in serie A e ancora oggi, a 42, gioca ai massimi livelli. Un quarto di secolo esatto da portiere ‘top’: nessuno è durato tanto così e così in alto. Ha giocato con Parma, Juventus e PSG per complessive 911 presenze. la sua bacheca dei trofei è straordinaria: 9 scudetti (Juve), 5 Coppe Italia (1 Parma, 4 Juve), 6 Supercoppe italiane (1 Parma, 5 Juve), 1 scudetto francese (PSG), 1 Supercoppa francese (PSG), 1 Coppa Uefa (Parma), 1 campionato di B (Juve), Mondiale ’06 (Italia), Europeo U21 ’96 (Italia), Giochi Mediterraneo ’97 (Italia).
In Nazionale ha 176 presenze (record Uefa) e ha giocato 5 Mondiali.
Nick Carter (1980), Usa, cantante. Nato a Jamestown (New York), Nickolas Gene Carter prese confidenza col mondo dello spettacolo con gli spot e i ruoli da comparsa, entrando poi in una band per bambini. Nel ’93 fu selezionato per il progetto di una ‘boyband’ costruita a tavolino: nacquero i “Backstreet Boys”, che per un decennio dominarono le classifiche vendendo 120 milioni di dischi in tutto il mondo. Eletto “The Biggest Teen Idol” nel ’99, tre anni dopo si lanciò come solista vincendo il disco d’oro con l’album “Now or Never”. Nel ’15 pubblicò il 3° album “All American”, col brano “Get Over Me” cantato con Avril Lavigne.

Print Friendly, PDF & Email