Sabato 25 luglio, 207° giorno
dell’anno, 30^ settimana. Alla fine del 2020 mancano 159 giorni (bisestile)

0
1189
Lo scrittore e aforista Elias Canetti, nato in Bulgaria, vinse nel 1981 il Nobel per la Letteratura

FRASE DEL GIORNO – Chi è veramente intelligente nasconde di avere ragione. (Elias Canetti)

SANTI DEL GIORNO – San Giacomo il Maggiore (Apostolo, protettore di cappellai, farmacisti, veterinari, droghieri, calzettai, cavalieri e soldati), San Cristoforo (Martire, protettore di automobilisti, barcaioli, ferrovieri, alpinisti, facchini, scaricatori, pellegrini, viaggiatori, sportivi, fruttivendoli e giardinieri), San Cucufate (Cugat, Martire a Barcellona), Santa Valentina (Martire).

EVENTO DEL GIORNO – Nel 2000 il disastro Concorde. Progettato alla fine degli anni ’60 da un consorzio anglo-francese, il Concorde fu, dopo il russo Tupolev (ritirato nel ’99), l’unico esempio di aereo da trasporto ‘supersonico’. L’episodio che lo fece entrare in crisi, fino al ritiro del ’03, si verificò il pomeriggio del 25 luglio ’00: il volo charter AF 4590, decollato da Parigi e diretto a New York, precipitò qualche km dopo il decollo, schiantandosi su un albergo. A causare l’incidente (113 morti, 109 sull’aereo e 4 in albergo), fu lo scoppio di uno pneumatico che danneggiò i serbatoi, provocando uno spaventoso incendio in coda.

NATI DEL GIORNO – Elias Canetti, (1905-1994), Bulgaria, scrittore. Ultimo esponente della cultura mitteleuropea, fu autore di poche opere ma tutte annoverate tra i capolavori della letteratura del ‘900. Nato a Ruse da una famiglia ebrea con origini spagnole (padre) e italiane (madre), acquisì la cittadinanza britannica ma utilizzò il tedesco, imparato in famiglia, per i suoi scritti. Oltre ad un unico romanzo del ’35, “Auto da fé” (‘atto di fede’ in portoghese), lasciò alcuni saggi, aforismi e un’autobiografia. Produzione ridotta che, comunque, gli valse il Nobel per la Letteratura 1981, con la seguente motivazione: “Per i suoi lavori caratterizzati da ampia prospettiva, ricchezza di idee e potere artistico”.
Gigi Marzullo (1953), Italia, giornalista. Nato ad Avellino, iniziò la carriera al quotidiano ‘Il Mattino’. Laureato in Medicina, entrò in RAI su diretta segnalazione del corregionale Ciriaco De Mita, allora segretario DC; dopo alcune esperienze in vari programmi, gli venne affidata “Mezzanotte e dintorni”, programma notturno di RaiUno che condusse dall’89 al ’93 e gli diede grande notorietà. Dal ’94 conduce “Sottovoce”, “Cinematografo”, “Applausi”  e “Milleeunlibro”. Dal ’13 è responsabile della struttura notte e vicedirettore di RaiUno, nonché ospite fisso di “Che fuori tempo che fa” di Fabio Fazio. 
Paolo Kessisoglu (1969), Italia, comico e conduttore TV. Nato a Genova da genitori armeni (cognome originario Keshishian, poi ‘turchizzato’ in Kessisoglu durante l’esodo ai tempi del nonno), iniziò la carriera artistica dal felice sodalizio col concittadino Luca Bizzarri, nel ’91. I due fecero coppia fissa a “Mai dire Gol” (’01), “Le Iene” (’01-’11) e “Camera Café” (’03-’17, 1.765 episodi). Inseparabili anche al cinema, sia da doppiatori che da attori, furono chiamati da Gianni Morandi a presentare il Festival di Sanremo ’11; dal ’12 al ’14 condussero “Scherzi a parte”. Nel ’14 Antonio Ricci affidò loro la conduzione di “Giass” (1 mese, poi chiuso) e dal ’17 presentano “Quelli che il calcio”. Grande tifoso del Genoa, vegetariano, è sposato con Sabina Donadel e ha una figlia, Lunitta (’03). 

 

Print Friendly, PDF & Email