Locazione: l’inquilino ha l’obbligo di imbiancare casa a fine contratto?

0
288

Accade frequentemente che, all’atto della consegna dell’immobile condotto in locazione, il proprietario chieda o, talvolta, pretenda, che l’inquilino provveda a  tinteggiare le pareti.

Altrettanto di frequente, nei contratti di locazione si trovano clausole che prevedono tale obbligo in capo al conduttore.

Ebbene: la costante giurisprudenza della Corte di Cassazione afferma che i costi della tinteggiatura non possono gravare sui conduttori, quand’anche la previsione fosse contenuta nel contratto o nel verbale di consegna dell’immobile.

Ciò, in quanto una clausola del genere è radicalmente nulla per contrasto con l’art. 79 della legge sulle locazioni (l. n. 392/1978).

Non è, infatti, lecito addossare al conduttore una spesa di ordinaria manutenzione (come, propriamente, è quella della tinteggiatura) che la legge pone di regola a carico del locatore.

A diversamente ritenere si attribuirebbe a quest’ultimo un vantaggio in aggiunta al canone che è, invece, l’unico corrispettivo lecitamente pattuibile a carico del conduttore.

In conclusione: illegittima è la pretesa del locatore di fare tinteggiare i locali alla fine del rapporto contrattuale al proprio conduttore, a meno che non sia costui a ritenere, per ragioni che esulano dal contratto e dalla legge, di  provvedere in tale senso.

Print Friendly, PDF & Email