Gli agricoltori continuano a contare i danni causati dalla primavera più piovosa degli ultimi 134 anni

0
426

Si è concluso un altro fine settimana di piogge intense, che, oltre a rovinare la serata di sabato a chi avrebbe voluto partecipare alla festa di Borgo Rovereto, va a peggiorare la situazione già precaria lamentata da allevatori e agricoltori.
I dati parlano chiaro: considerati i primi cinque mesi dell’anno, il periodo gennaio – maggio 2013 è stato il più piovoso degli ultimi 134 anni. Da quando cominciò la raccolta di dati meteorologici nel 1857, è stata registrata soltanto una primavera più piovosa di questa, quella del 1879, quando nella provincia di Alessandria caddero nel periodo primaverile 565 millimetri di pioggia.
Ed ecco che, ancora una volta, Coldiretti, Cia e Confagricoltura lanciano l’allarme. Il maltempo ha infatti distrutto verosimilmente il 30 – 40 % di raccolti di mais, fieno e frumento, e difficilmente questi dati potranno migliorare considerata la situazione dei terreni allagati che non riescono più ad assorbire l’acqua. A tutto questo và sommata la devastante grandinata dello scorso 11 maggio.
Dai metereologi non arrivano notizie confortanti, in quanto per i prossimi giorni sono attese ulteriori precipitazioni, anche di carattere temporalesco.

Print Friendly, PDF & Email