Giovedì 19 dicembre, 353° giorno dell’anno, 51^ settimana. Alla fine
del 2019 mancano 12 giorni

0
599
Il bolognese Alberto Tomba, mito dello sci azzurro, compie oggi 53 anni

FRASE DEL GIORNO – È una delle grandi difficoltà della vita indovinare ciò che una donna vuole. (Italo Svevo)

SANTI DEL GIORNO – San Dario di Nicea (Martire), Beato Urbano V (Papa), Beato Guglielmo di Fenoglio (Laico certosino), Santa Fausta (Martire a Roma), San Berardo di Teramo (Vescovo), Sant’Anastasio I (Papa).

EVENTI DEL GIORNO – Nel 1935 via al commercio degli slip, nuovo tipo di mutande.  Nel 1963 Zanzibar ottiene l’indipendenza dal Regno Unito e diventa una monarchia costituzionale guidata da un sultano.
Nel 1974 viene messo in vendita Altair 8800, il primo personal computer.
Nel 1976 i Beatles rifiutarono un’offerta di 50 miliardi per tornare insieme in un concerto.
Nel 1984 Regno Unito e Cina firmarono la Dichiarazione congiunta sino-britannica, che cedette Hong Kong alla sovranità cinese dal 1997.

NATI DEL GIORNO – Italo Svevo (1861-1928), Italia, scrittore. Nato a Trieste come Aron Hector Schmitz da una famiglia ebrea (padre tedesco, madre italiana), italianizzò il proprio nome in Ettore Samigli. Fin dal primo romanzo, “Una vita” (1892), scelse lo pseudonimo ‘Italo Svevo’ per interpretare l’anima cosmopolita della sua città, Trieste, crocevia di traffici e di scambi culturali tra i paesi della Mitteleuropa. Le disavventure economiche della famiglia lo spinsero ad accettare a malincuore un lavoro in banca, scrivendo a puntate (sul quotidiano triestino “L’Indipendente”) il suo secondo romanzo “Senilità” (1898), poi uscito in versione intera. Il terzo grande lavoro “La coscienza di Zeno” (1923), completò la trilogia a sfondo autobiografico, i cui protagonisti sono “vinti”, cioè sopraffatti dalla loro inettitudine a vivere e incapaci di inserirsi nel mondo.
Édith Piaf (1915-1963), Francia, cantante. “Madame passerotto” (traduzione del francese “piaf”), così soprannominata per il fisico minuto e la straordinaria abilità vocale nel passare dai toni dolci a quelli più aspri, compose e interpretò brani memorabili, divenuti colonne sonore dello spirito indomito e passionale di Parigi e della Francia intera. Nata al civico 72 di Rue Belleville (Parigi) da due artisti di strada, Édith Giovanna Gassion visse un’infanzia travagliata sia dal degrado familiare (allevata dalla nonna paterna, tenutaria di un bordello) che da una grave patologia agli occhi. Insieme al padre, contorsionista, a 8 anni si esibiva in strada mostrando tutta la potenza della sua voce. Nel ’36 registrò la prima canzone e con il nome d’arte s’impose nel panorama nazionale costruendo il mito di “usignolo” che, dagli anni ’40 ai ’60, avrebbe incantato le platee di tutto il mondo. Dall’immortale “La vie en rose” (’46) alla grintosa “Non, je ne regrette rien” (’60), cantò l’amore per gli uomini e la vita, vissuta senza rimpianti e con la capacità di ripartire ogni volta da zero. Talent scout di artisti come Charles Aznavour e Leo Ferré, fu consumata dall’artrite reumatoide e dagli antidepressivi e morì a Grasse (Costa Azzurra) per un aneurisma il 10 ottobre ’63.
Alberto Tomba (1966), Italia, ex-sciatore alpino. Nato a Bologna, campione e  personaggio allo stesso tempo, mito dello sci italiano, fu protagonista dall’86 al ’98 nei due  slalom, lo ‘speciale’ e il ‘gigante’. Con 50 vittorie nelle gare di Coppa del Mondo Tomba è 4° nella classifica ‘all time’ dopo Stenmark (86), Hirscher (67) e Maier (54). A livello di competizioni generali vinse la Coppa del Mondo assoluta nel ’95, aggiudicandosi anche 8 Coppe di Specialità (4 in gigante e 4 in speciale). Nei Giochi Olimpici invernali vinse 3 ori e 2 argenti, mentre ai Mondiali prese 2 ori e 2 bronzi.
Elisa (1977), Italia, cantante. Nata a Trieste come Elisa Toffoli, fin da piccola scrisse e cantò in inglese, arrivando nel ’97 a pubblicare ‘Pipes & Flowers’, sotto l’egida di Caterina Caselli. La consacrazione avvenne a Sanremo ’01, che vinse con Luce”, cui seguirono 18 anni di carriera con 10 album in studio, 6 compilation, 2 album dal vivo, 2 colonne sonore, 51 singoli e quasi 4 milioni di dischi venduti. Nel 2012 le fu assegnato il Nastro d’argento per la “miglior canzone originale”, “Love Is Requited”.
Andrea Baldini (1985), Italia, schermidore. Nato a Livorno, è campione di fioretto tesserato con il G.S. Aeronautica Militare. Ai Giochi Olimpici di Londra ’12 vinse l’oro a squadre, ai Mondiali si è aggiudicato 5 ori, 4 argenti e 2 bronzi, sia nell’individuale che a squadre, mentre fece meglio agli Europei con complessivi 8 ori, 2 argenti e 5 bronzi. 

Print Friendly, PDF & Email