Casale, riaperte le aree gioco della città

0
254

Tornate a disposizione della città le aree gioco: con un’ordinanza del sindaco Federico Riboldi, fino a domenica 14 giugno le famiglie possono usufruire, nel rispetto delle linee guida ministeriali e regionali, di altalene, scivoli e attrezzature ludiche.

Come ha spiegato il sindaco Riboldi: «Grazie allo sforzo dell’Ufficio Ambiente e del coordinatore del Nucleo comunale volontari Protezione Civile, Enzo Amich, siamo riusciti a compiere un ulteriore e importante passo avanti nella riapertura delle strutture cittadine in questa fase due dell’emergenza CoronaVirus. L’auspicio è che chi vorrà utilizzare queste aree lo faccia con responsabilità e attenzione».

In attesa dei nuovi decreti e ordinanze nazionali e regionali per le prossime settimane, fino a domenica le aree ludiche all’interno dei giardini comunali sono liberamente accessibili al pubblico, nel rispetto delle seguenti misure di contenimento della diffusione del Covid-19:

  • è fatto divieto di assembramento
  • uso obbligatorio della mascherina per i bambini di età superiore ai 3 anni
  • i bambini al di sotto dei 14 anni dovranno essere accompagnati da un genitore o da altro adulto familiare anche non parente
  • osservanza del rispetto delle distanza interpersonale di un metro

L’ordinanza ha anche stabilito le prescrizioni da seguire fino al 14 giugno nelle aree verdi comunali:

  • è fatto divieto di assembramento;
  • uso obbligatorio della mascherina;
  • i minori dovranno essere sempre accompagnati da un maggiorenne, così come le persone non completamente autosufficienti;
  • mantenimento delle distanza interpersonale di sicurezza di almeno 1 metro, a eccezione dei minori o delle persone anziane o disabili che necessitano di entrare con accompagnatore. Detta distanza dovrà essere osservata anche sulle panchine;
  • osservanza del rispetto della distanza personale di almeno 2 metri per l’attività sportiva individuale ed un metro per l’attività motoria individuale;
  • divieto di attività di tipo ludico o ricreativo che coinvolgano la partecipazione di più persone (quali “pic-nic” o giochi con palloni).

«In questo particolare momento – ha sottolineato l’assessore Maria Teresa Lombardi – organizzare la riapertura delle aree verdi e, soprattutto, dei giochi per i bambini richiede uno sforzo importante, ma che abbiamo deciso di fare perché capiamo quanto siano importanti per le famiglie. Tutti i giorni una ditta specializzata garantirà la sanificazione delle strutture, mentre è in corso anche una pulizia straordinaria dei giochi per renderli nuovamente fruibili al meglio. Per questa settimana, è giusto ricordarlo, rimarranno invece ancora chiusi il Parco della Cittadella per lavori in corso e il campo da basket di viale Giolitti, perché non oggetto di decreto».

 

 

Print Friendly, PDF & Email