Sabato 3 aprile: la frase del giorno, i santi del giorno, i nati famosi e cosa accadde oggi

0
1051
Marlon Brando nelle vesti di don Vito Corleone ne "Il Padrino", che gli valse l'Oscar nel 1973

Frase del giorno

Un politico guarda alle prossime elezioni, uno statista guarda alla prossima generazione. (Alcide De Gasperi)

Santi del giorno

San Riccardo di Chichester (Vescovo, protettore dei cocchieri), San Niceta di Medikion (Egumeno), Sant’Ulpiano di Tiro (Martire), Santi Cresto e Pappo (Martiri), San Sisto (Papa).

Accadde oggi

  • Nel 1896 nacque la Gazzetta dello Sport. Uscì la 1^ volta a Milano con 20.000 copie, ma solo dal 2 gennaio 1899 fu stampata su ‘carta rosa’. Nacque dalla fusione tra ‘Il Ciclista’ di Milano (settimanale) e ‘La Tripletta’ di Torino (bisettimanale). Dal 1909 organizzò il “Giro d’Italia” ed è il 3° quotidiano italiano per diffusione (dopo ‘Corriere’ e ‘Repubblica’), nonché il più longevo d’Europa nel suo genere. Dal 26 agosto ’97 esiste  “Gazzetta.it”, sito web con più di 1 milione di visitatori unici al giorno. Invece il canale “Gazzetta TV” ebbe vita breve: dal 26 febbraio ’15 al 6 gennaio ’16.

Nati famosi

  • Daniel Defoe (1660-1731), Inghilterra, scrittore. Padre del romanzo inglese e pioniere del genere ‘avventura’, dedicò la vita agli affari e solo in età matura, per pagare i debiti, fece lo scrittore. Esordì con saggi di economia (in anticipo sui tempi) sostenendo la necessità di una Banca Centrale e di un sistema pensionistico. Finì in prigione per diffamazione della Chiesa d’Inghilterra, poi pubblicò “Robinson Crusoe” (1719), ispirato alla vera vicenda di un marinaio naufragato su un’isola al largo del Cile. Ben accolto dal pubblico, il libro fu una delle prime forme di romanzo moderno.
  • Alcide De Gasperi (1881-1954), Italia, politico. Nato a Pieve Tesino (TN) da famiglia umile, completò gli studi col sussidio del governo austriaco. Laureato a Vienna in ‘Filologia’ (1905), fu eletto alla Camera dei Deputati Austriaca (1911) e, nello stesso anno, diventò segretario del Partito Popolare Trentino. Nel ’19 entrò nel Partito Popolare Italiano, con cui fu eletto al Parlamento italiano (’21). Andò in carcere da antifascista, poi fu segretario e presidente DC (’44-’54) e Primo ministro della Repubblica (’46-’53), nonché ministro di Interni ed Esteri. Politicamente temeva molto lo spettro dell’URSS e voleva limitare l’ingerenza dei comunisti, ma sperava che ciò fosse fatto con mezzi parlamentari e non con l’uso della forza. Morto il 19 agosto ’54 nella sua casa in Val di Sella, è sepolto a Roma nel portico della basilica ‘San Lorenzo fuori le mura’: la sua tomba è opera dello scultore Giacomo Manzù.
  • Marlon Brando (1924-2004), Usa, attore. E’ il ‘bello e tenebroso’ di Hollywood. Nato ad Omaha (Nebraska), frequentò “The Dramatic Workshop” (NY), debuttò a Broadway nel ’44 e affinò la tecnica all’Actor’s Studio. Nel ’47 fu protagonista a teatro di “Un tram che si chiama Desiderio”, la cui versione al cinema vinse 4 Oscar e valse a Brando la prima nomination. Con “Viva Zapata” sfiorò ancora la statuetta e trionfò a Cannes, poi la vinse nel ’55 con “Fronte del porto”. Dopo il declino, tornò come Don Vito Corleone ne “Il padrino”, che gli valse il 2° Oscar (’73), che non ritirò per protesta contro le ingiustizie verso le minoranze etniche. E donò agli indiani terreni in California. Famoso per “Ultimo tango a Parigi” (’72) e “Apocalypse now” (’79), vinse anche 5 Golden Globe. Fu uno dei 3 attori che ‘Time’ nominò personaggi più influenti del secolo (con Chaplin e la Monroe).