I grigi al ‘Moccagatta’ per continuare
la risalita verso la quarta posizione.
Domani alle 18.30 c’è la Lucchese

0
810

Il quarto posto è lì, a 4 punti, e l’Alessandria cerca un’altra vittoria per accorciare ancora.
Domani alle 18.30 arriva la Lucchese, ma i grigi non possono fermarsi a guardare chi c’è: rispetto dell’avversario, sì, ma tirare diritto, cercando di recuperare il terreno perduto nella prima parte di stagione e di ottenere il miglior piazzamento possibile per i playoff.

LUCCHESE – E’ 15^ in classifica con 35 punti in 30 partite e un rassicurante vantaggio di 7 lunghezze sulla zona playout. Il bottino fin qui conta 8 vittorie, 11 pareggi, 11 sconfitte, con 27 gol fatti (16° attacco) e 35 subìti (10^ difesa). L’allenatore è il 50enne Giovanni Lopez, che sale e scende dalla panca lucchese dal 2015. Subentrato due volte (prima a F.Baldini, poi a Galderisi), la scorsa stagione con i playoff ha convinto la dirigenza rossonera a confermarlo, quindi, di fatto, allena la Lucchese dall’inizio per la prima volta. Affezionato al 5-3-2, che talvolta diventa un ultra-difensivo 5-4-1, sistema la squadra con una solida difesa e cerca di segnare ripartendo. I marcatori pesanti sono soprattutto il trequartista ex-grigio Fanucchi (7) e il centrocampista Arrigoni (5).
Sul fronte assenze non dovrebbe farcela l’attaccante Shekiladze, infortunato, che si aggiunge agli altri due acciaccati, il terzino Cecchini e la punta Del Sante, e agli squalificati Russu (esterno sinistro, 2 g.) e Capuano (difensore centrale, 1 g.).
In più, il derby vinto a Prato sabato scorso è costato 3 turni anche all’acquese Enzo Biato, allenatore dei portieri ed ex-grigio.

PRECEDENTI – E’ una storia lunga 33 partite, quella fra grigi e rossoneri. Le vittorie mandrogne sono 17, quello toscane 11, i pareggi 5, con i gol che fanno 45-32. Il bilancio, al Moccagatta, dice addirittura 12-2-2, e i gol 30-10 per i grigi. L’ultima vittoria esterna della Lucchese è del giugno 1990, mentre l’andata (12 novembre) finì 2-1 per i toscani con questi marcatori: 30′ Fanucchi, 73′ Maini, 77′ Fischnaller (dati Museo Grigio).

ALESSANDRIA – Continua il tour-de-force: 5 giorni fra la gara di Olbia e la Lucchese, poi altri 5 per il recupero con l’Arzachena (3 aprile) che aprirà un mese con 7 partite. Quindi turn-over obbligatorio, con Michele Marcolini che lo gestisce con acume e saggezza.
Out CazzolaBlanchard, è in forse Celjak mentre sono recuperati Fissore e Ranieri, per cui il 4-3-3 al fischio d’inizio potrebbe essere così: Vannucchi; Sciacca, Piccolo, Giosa, Fissore; Nicco, Gazzi, Gatto; Gonzalez, Marconi, Sestu.

ARBITRO – Per Alessandria-Lucchese di domani (ore 18.30), allo stadio ‘Moccagatta’, l’arbitro designato è Michele Di Cairano di Ariano Irpino, assistito da Matteo Guddo di Palermo e Orazio Luca Donato di Milano. Di Cairano è al primo anno in serie C e non ha mai arbitrato gare dell’Alessandria.

Print Friendly, PDF & Email