Collegno: Anziano si barrica in casa armato uccide la moglie e si spara

0
182

Sono stati trovati morti nel loro appartamento Santo Guglielmino; 85 anni;e la convivente Rosa Colusso; di 86. Il pensionato si era barricato in casa con la donna in mattinata e inutili sono stati i tentativi delle forze dell’ordine di farlo desistere dal suo folle obiettivo: l’anziano ha ucciso la donna e; dopo avere dato fuoco alla casa; si è sparato.La tragedia si è svolta a Collegno;nell’hinterland torinese dove per tentare di sbloccare la situazione è intervenuta anche una squadra dei carabinieri del Gis; provenienti da Livorno; arrivati alle 16;40. Questo dopo che la trattativa; condotta di persona dal comandante provinciale dei carabinieri di Torino; colonnello Antonio De Vita; non è andata a buon fine.L’uomo si era chiuso in un appartamento al terzo piano di un condominiodopo che i i vigili urbani di Collegno erano andati a casa sua perché buttava la spazzatura dalla finestra. All’arrivo dei vigili; l’uomo ha aperto la porta con una pistola in mano e subito dopo si è chiuso in casa con la convivente; Rosa Colusso; di 86 anni; immobilizzata su una sedia a rotelle. Poi ha sparato un colpo di pistola contro la porta d’ingresso della propria abitazione; senza conseguenze dicono i carabinieri.Pare che all’origine della vicenda nella casa popolare di Collegno; ci sia una storia di povertà. I due anziani; seguiti dai servizi sociali; nei mesi scorsi; per non aver risposto a un censimento dell’Atc (agenzia territoriale per la casa) si sono visti aumentare l’affitto da 82 a 400 euro. Una situazione che; grazie a un intervento dell’assessorato del Comune di Collegno; si è poi risolto; ma che non si esclude possa aver ulteriormente destabilizzato la coppia. E così stamattina; quando; a causa di un guasto nell’impianto; la corrente elettrica ha cominciato ad avere dei black out; hanno subito pensato che fosse a causa di ritardi nel pagamento delle bollette. Da qui – ha spiegato Gugliemino al telefono con i carabinieri – l’esasperazione e la decisione di dar vita alla protesta finita poi tragicamente.

Print Friendly, PDF & Email