Martedì 5 marzo, 64° giorno
dell’anno, 10^ settimana. Alla fine
del 2019 mancano 301 giorni

0
585
Oggi, martedì grasso, è l'ultimo giorno di Carnevale,

FRASE DEL GIORNO – Non so chi abbia inventato i tacchi alti. Ma tutte le donne gli devono molto. (Marilyn Monroe)

SANTI DEL GIORNO – Sant’Adriano di Cesarea (Martire), San Giovan Giuseppe della Croce (francescano alcantarino), San Foca (Martire di Antiochia, protettore degli orti), San Ciarano (Kieran, Vescovo), San Conone l’ortolano (Martire in Panfilia), San Gerasimo (Anacoreta), San Lucio I (Papa), San Teofilo di Cesarea di Palestina (Vescovo).

EVENTI DEL GIORNOOggi è il martedì grasso, ultimo giorno di Carnevale. La festa più divertente e colorata dell’anno, allegra e spensierata! È una festa dalle origini religiose cristiane: si festeggia infatti prima della Quaresima (40 giorni di penitenza) ed il suo nome deriva dal latino ‘carnem levare’, cioè “eliminare la carne”, in riferimento proprio alla penitenza che verrà con la Quaresima.

Nel 1876 nasce il Corriere della Sera, il primo quotidiano italiano. Allora il 5 marzo era la prima domenica di Quaresima: uscirono ‘quattro fogli’, stampati in 3.000 copie, al costo di 5 centesimi (7 fuori Milano), che gli strilloni iniziarono a distribuire verso le 9 di sera.

NATI FAMOSI Pier Paolo Pasolini (1922-1975), Italia, artista. Intellettuale tra i più geniali e controversi del ‘900 italiano, in varie forme dalla letteratura al cinema, seppe anticipare le trasformazioni della società italiana, evidenziandone limiti e storture.

Lucio Battisti (1944-1998), Italia, cantautore. Per molti è il più grande in assoluto della musica leggera italiana, riferimento imprescindibile per ogni generazione di artisti. Le sue canzoni, reinterpretate da illustri colleghi di ieri e di oggi, continuano a regalare sempre le stesse “emozioni”. Nato a Poggio Bustone (RI), da autodidatta scoprì le infinite possibilità della chitarra, contaminando il pop nazionale con la musica nera e il rock d’oltreoceano. Decisivo l’incontro col paroliere Giulio Repetti, in arte Mogol, con cui iniziò un lungo sodalizio, il più prolifico nella storia della musica italiana. 

Print Friendly, PDF & Email