Martedì 15 ottobre, 288° giorno
dell’anno, 42^ settimana. Alla fine
del 2019 mancano 77 giorni

0
691
Charlie Chaplin scimmiotta Hitler nel film "Il grande dittatore" del 1940

FRASE DEL GIORNO – La vita è fatta di rarissimi momenti di grande intensità e di innumerevoli intervalli. La maggior parte degli uomini, però, non conoscendo i momenti magici, finisce col vivere solo gli intervalli. (Friedrich Nietzsche)

SANTI DEL GIORNO – Santa Teresa d’Avila (Vergine e Dottore della Chiesa, protettrice dei carmelitani), San Severo di Treviri (Vescovo), Sant’Eusebia (Vergine di Vercelli),  Santa Fortunata (Martire).

EVENTI DEL GIORNO – Nel 1822 venne Istituito il Corpo Forestale. Il re di Sardegna, Carlo Felice di Savoia, costituì l’Amministrazione forestale destinandola alla custodia e alla tutela dei boschi. Lo stemma araldico era un’aquila col motto “Pro natura opus et vigilantia”. Col D.L. 804 del 12 marzo 1948 divenne ‘Corpo forestale dello Stato’ e a partire dagli anni ’80 entrò nel sistema delle forze di polizia. Con la legge del 7 agosto 2015, n. 124 (“legge Madia”), il Corpo forestale venne assorbito dall’Arma dei Carabinieri e riorganizzato come “Comando unità per la tutela forestale, ambientale e agroalimentare”.
Nel 1940 uscì “Il grande dittatore” di Chaplin. Il sublime capolavoro di Charlie Chaplin, che faceva la parodia di Hitler, debuttò nelle sale americane raccontando la storia di un barbiere ebreo che, dopo aver perso la memoria in un’azione eroica durante la Prima guerra mondiale, si ritrovò catapultato in una fase storica in cui gli ebrei erano perseguitati dal dittatore di TomaniaAdenoid Hynkel. In maniera poetica e intelligente la pellicola rappresentò in forma satirica un momento drammatico della storia.
Nel 1969 storica marcia contro la guerra in Vietnam. Con il ‘Moratorium day’ milioni di persone, in larga parte giovani, sfilarono per le principali città americane per chiedere di porre fine alla sanguinosa guerra in Vietnam (’55-’75). Si trattò della prima grande manifestazione per la pace nella storia, da cui trassero spunto movimenti pacifisti di tutto il mondo. Cuore della manifestazione fu la città di New York.

NATI DEL GIORNO – Friedrich Nietzsche (1844-1900), Germania, filosofo. Nato a Röcken e morto a Weimar, è fra i maggiori esponenti del pensiero occidentale. Filosofo innovativo e predecessore delle teorie esistenzialiste, il suo pensiero rappresenta un punto di partenza e di confronto per le correnti del ‘900. Morale, religione e scienza furono al centro della sua produzione saggistica e aforistica, compresa nelle opere principali “Così parlò Zarathustra” e “Al di là del bene e del male”. Si distinse come poeta e compositore.
Italo Calvino (1923-1985), Italia, scrittore. Nato a Santiago de Las Vegas de La Habana (Cuba) da padre ligure e madre sarda, fu partigiano in guerra, attivista del PCI, poi scrittore. La sua produzione comprende “Il sentiero dei nidi di ragno”(neorealismo), la fantastica ‘trilogia degli antenati’ (“Visconte dimezzato”, “Barone rampante”, “Cavaliere inesistente”), poi “Marcovaldo”, “Le cosmicomiche” e “Se una notte d’inverno un viaggiatore”. Nei suoi scritti spiccano gusto per l’ironia e interesse per scienza e storia.
Valerio Staffelli (1963), Italia, giornalista. Nato a Milano, è un volto noto in TV,  inviato del tg satirico Striscia la Notizia dal ’96. Portatore dei famosi ‘Tapiri d’oro’, ne ha consegnati centinaia, ricevendo talvolta reazioni tutt’altro che amichevoli. Indimenticabile lo scontro 2003 con l’allora direttore di Rai Uno, Fabrizio Del Noce, finito in tribunale.
Matteo Garrone (1968), Italia, regista. Romano, iniziò con film sul tema dell’emigrazione: “Ospiti” (’98) gli valse un premio a Venezia. Dopo “L’Imbalsamatore” (2002), con cui vinse  1 David di Donatello, divenne famoso con “Gomorra”, dal libro di Saviano, con cui prese il Gran Premio della Giuria a Cannes 2008. Nel 2012 vinse lo stesso premio per “Reality”. A Natale ’19 sarà nelle sale “Pinocchio”, con Benigni/Geppetto e Proietti/Mangiafuoco.
Didier Deschamps (1968), Francia, ex-calciatore e allenatore. Uno degli uomini di calcio più vincenti della storia nacque a Bayonne: dal 2012 allena la Nazionale francese, con cui fu 2° agli Europei 2016 e 1° ai Mondiali 2018. E’ uno dei pochissimi al mondo ad aver vinto il Mondiale anche da giocatore: con i ‘galletti’ (103-6) conquistò, con la fascia di capitano al braccio, il titolo mondiale ’98 e quello europeo 2000.
Nella carriera di centrocampista giocò con Nantes, Marsiglia, Bordeaux, Juventus, Chelsea e Valencia, totalizzando 561 presenze e 21 reti. Vinse 2 scudetti francesi (Marsiglia), 3 italiani (Juve), 1 Coppa Italia, 2 Supercoppe italiane, 1 Coppa d’Inghilterra (Chelsea), 2 Champions League (Marsiglia, Juve), 1 Intercontinentale e 1 Supercoppa Uefa (Juve).
Da allenatore, prima della nazionale, collezionò altri trionfi: 1 scudetto francese, 4 Coppe di Lega francesi, 2 Supercoppe francesi, 1 campionato di serie B italiano (Juve).

Print Friendly, PDF & Email