Un asciugamano a testa

0
522

Alla scuola “Aquilone” era vietato portare salviette da casa

Dopo l’intervento di Zapping News, ora è possibile

La cura dell’igiene personale è molto importante non solo per fini estetici ma anche per proteggersi da malanni di varia entità. Questo è un concetto base valido per tutti noi, a maggior ragione per i bambini. La vivacità che più li contraddistingue li sottopone a una serie di potenziali rischi, cui far fronte con semplici e opportune norme igieniche. Tuttavia, tali piccoli accorgimenti di buon senso vanno a scontrarsi con logiche spesso incomprensibili. È quanto avvenuto a una coppia di genitori, che ci ha raccontato l’esperienza che ha avuto alla Scuola dell’Infanzia “Aquilone”, parte dell’Istituto Comprensivo De Amicis-Manzoni di Alessandria.
Igiene-De-Amicis2Nella sede di Piazza Vittorio Veneto sono presenti 5 classi, ciascuna composta da 30 alunni. Ognuna di esse dispone di un asciugamano comune, con dovuto ricambio. È facile comprendere come il canovaccio sia sottoposto a un forte utilizzo, a volte anche da parte di chi dovrebbe servirsi di un altro. Altrettanto evidente è che le bidelle non possono cambiarlo in ogni momento. “Un asciugamano comune – spiega la madre della bambina protagonista della nostra storia – può essere un ricettacolo di vari microbi, soprattutto quando è usato da bimbi”. Per far fronte a questo problema elementare, durante la riunione di ottobre con maestre e genitori, il padre aveva proposto un paio di soluzioni. Comprare uno stock di rotoli di carta mediante l’autotassazione dei genitori stessi (“sarebbero bastati 3 euro a testa”) o permettere di portare da casa un asciugamano personale. Entrambi i suggerimenti sono stati respinti. No ai rotoli di carta “perché avrebbero intasato il water”. No all’asciugamano personale “perché se no i bambini avrebbero bagnato tutto il corridoio”. I nostri non hanno mollato e si sono rivolti al Provveditorato agli Studi. Quest’ultimo non ha dato loro molta soddisfazione, affermando che non può interferire con le decisioni interne di un singolo istituto e invitandoli a mandare una lettera raccomandata riassuntiva della vicenda.
Una volta raccontataci la storia, ci siamo rivolti al De Amicis per richiedere informazioni e chiarimenti. Il Dirigente Scolastico, dott. Luigi Manzini, ha accertato l’esistenza di tale situazione e ha annunciato che da lunedì 17 febbraio tutti i bambini dovranno portare con sé un sacchettino con i propri corredi personali, compreso il fatidico asciugamano. Alla fine, quindi, a un problema di buon senso è stata data una soluzione di buon senso.

Stefano Summa

Print Friendly, PDF & Email