Fra Monza e Juventus U23 una sfida di grande fascino, Mota e Marchi
su fronti opposti rispetto all’andata

0
418
Ettore Marchi festeggiato dai compagni dopo il gol dell'andata: ora gioca in bianconero (giornaledimonza.it)

La Juventus U23 arriva a questa gara forte della qualificazione alla finale di Coppa Italia di categoria, che contenderà alla Ternana (11 marzo e 15 aprile), episodio che ha portato entusiasmo e consapevolezza in casa bianconera. C’è un grande divario in classifica, col Monza che ha il doppio dei punti della Juventus U23 (60 > 30), ma il ‘gap’ non deve trarre in inganno gli osservatori perché i bianconeri saranno ‘gasatissimi’. Infatti è una sfida dal grande fascino anche per via della dirigenza del MonzaBerlusconi e Galliani al Milan sono stati i grandi ‘competitors’ della Juve per decenni, e questa partita, come quella di andata, rinfresca i ricordi. Ma sarà anche un bel duello fra attaccanti: Dany Mota e Ettore Marchi, protagonisti fino a gennaio in bianconero e biancorosso, hanno incrociato le strade durante il mercato e si ritroveranno di fronte a maglie invertite, ma sempre determinanti in zona-gol: 8 reti nella Juve e 2 nel Monza per il portoghese, 4 al Monza e 2 alla Juve B per l’italiano, ed entrambi a segno nella partita di andata. 

MONZA – Capolista incontrastata con +17 sulla seconda, fu considerata squadra ‘fuori categoria’ in estate e ha confermato il pronostico. In classifica ha 60 punti, frutto di 18 vittorie, 6 pareggi e 1 sconfitta, 51 gol fatti (miglior attacco) e 15 subìti (miglior difesa).
La rosa, continuamente rafforzata, è formata da 28 elementi (3 stranieri) con un’età media di 27.1 anni, affidata ad un fedelissimo del ‘vecchio Milan’, il 44enne Cristian Brocchi, che utilizza il modulo 4-3-1-2 ‘a rombo’. Niente calcoli sul ‘minutaggio’: nel gruppo ci sono solo 4 ‘under’ e giocano pochissimo. Ha fatto più punti in trasferta che in casa, ma è un dettaglio quando si domina così; in stagione ha perso solo 3 volte: in campionato col Siena (0-2), in Tim Cup a Firenze (1-3) e in Coppa di C con la Pro Patria (2-3 ai supplementari).

PRECEDENTI – C’è solo la gara di andata, giocata il 30 settembre ’19, settima giornata. Finì 4-1 per il Monza (8′ Brighenti, 15′ e 20′ Finotto, 55′ Mota, 88′ Marchi).

JUVENTUS U23 – La fatica dei supplementari di mercoledì sarà compensata dalla gioventù della rosa e dell’entusiasmo portata dal ‘rumoroso’ 4-0 in Coppa, oltre che da un inevitabile mini-turn-over che Pecchia, mentore di questa formazione, applicherà. Quindi, sempre considerando gli infortunati Zanandrea, Parodi, Rosa e Alcibiade, sommati a Coccolo e Olivieri, ormai stabilmente convocati da Sarri in prima squadra, il 4-2-3-1 iniziale bianconero potrebbe essere così: Loria; Di Pardo, Mulé, Delli Carri, Beruatto; Fagioli, Muratore; Del Sole, Marques-Mendes, Zanimacchia; Marchi.

ARBITRO – Sarà Francesco Carrione (Castellammare di Stabia), con gli assistenti Amir Salama (Ostia Lido) e Giorgio Lazzaroni (UD) a dirigere Monza-Juventus U23 di domenica 16 febbraio (ore 15) allo stadio ‘Brianteo’. Carrione è al 2° anno in C e ha 2 precedenti solo coi lombardi: MZ-Levico T. 3-1 (19-02-17) e Vis PS-MZ 1-1 (11-11-18). 

Print Friendly, PDF & Email