Alessandria contro Pisa al ‘Mocca’: due squadre in cerca di vittoria.
Squalificati i due allenatori

0
740

L’Alessandria non vince dal 26 dicembre, il Pisa dal 16, ed entrambe saranno senza il primo allenatore in panchina. D’Agostino e D’Angelo sono out per volere del Giudice Sportivo, e ai grigi mancherà anche il secondo, Mancino squalificato anche lui dopo il ‘diverbio’ con quel fuoriclasse di Favarin. Non succede tanto spesso. La soluzione della guida tecnica è stata risolta con la scelta di Cristian Cassioli per la panca grigia e con Riccardo Taddei per quella nerazzurra. Sarà gran lotta, perché la vittoria serve ad entrambe: il Pisa vuole i playoff a tutti i costi e l’Alessandria…. ci crede, e ci prova.
Neve permettendo, per contrastare la quale è stato approntato dalla società piemontese un ‘piano speciale’ per pulire in tempo campo e spalti. Domenica ore 14,30.

PRECEDENTI – Sono 35 tra alessandrini e pisani, di cui la maggioranza in serie B e A per una storia iniziata nel 1921. Bilancio generale favorevole ai grigi con 14 vittorie a 11 e 10 pareggi, per un totale di 58 reti piemontesi e 45 toscane. Al ‘Moccagatta’ Alessandria avanti 9 successi a 4 più 4 pareggi (gol 31-18). Nelle ultime quattro occasioni, però, è stato il Pisa a portare via punti in casa dei grigi (2 vittorie e 2 pareggi); per trovare l‘ultimo successo mandrogno al ‘Mocca’ bisogna risalire al 5 febbraio 1967 in serie B, 1-0 con la firma di Gualtieri. Più recente, invece, l’ultima vittoria grigia in assoluto: il 14 aprile 2001 una rete di Falco regalò il successo sotto la Torre. (dati Museo Grigio)

MERCATOSette movimenti per l’Alessandria: 4 in entrata (Chiarello-Giana Erminio, Gemignani-Samb, Akammadu-Tranmere Rovers, Coralli-Carrarese) e 3 in uscita (Fissore-Samb, Talamo-Siracusa, Cottarelli-Pro Patria).
Dodici le operazioni chiuse dal Pisa: 6 ingressi (Gamarra-svincolato, Verna-Cosenza, Minesso-Padova, Pesenti-Piacenza, Benedetti-Entella, Kucich-Trapani) e 6 partenze  (Cuppone-Bisceglie, Cernigoi-Salernitana, Maffei-Olbia, Cardelli-Cuneo, Ingrosso-Foggia, Zammarini-Pordenone).

PISA – E’ 10° in classifica con 32 punti, ottenuti grazie a 8 vittorie, 8 pareggi e 6 sconfitte (gol 25-23). Quella che occupa è l’ultima posizione utile per i playoff, con +7 su Gozzano e Juve B.  In TIM CUP è uscito al 4° turno per mano del Novara (3-2) dopo aver eliminato Triestina (7-5 ai rigori), Cremonese (7-5 ai rigori) e Parma (1-0). In Coppa di C, battuta l’Arzachena (3-0), sarà di turno mercoledì 6 febbraio in casa contro il Pontedera.
La rosa nerazzurra, composta da 24 giocatori (5 stranieri) con un’età media di 25,9 anni, punta sulla gioventù nel reparto arretrato e sull’esperienza al centro e in attacco.
Al 1° anno sulla panchina toscana l’allenatore 47enne Luca D’Angelo (ex Alessandria dal novembre 2013 al giugno 2015), che utilizza il modulo 3-5-2.
In campionato il Pisa non vince da 6 partite: l’ultima vittoria fu il 16 dicembre ’18, 2-0 a Pontedera, da allora 4 pareggi e 2 sconfitte. Un momento davvero poco brillante.
Gli elementi di spicco sono tutti in attacco: l’ex grigio Marconi è il miglior marcatore (7) con la miglior media-gol, davanti a Masucci e Moscardelli (5), Di Quinzio (4), De Vitis, Cuppone (3) e al neo acquisto Pesenti, autore domenica scorsa di una doppietta al Piacenza, sua ex-squadra, con la cui maglia era già andato a bersaglio 6 volte.
Contro l’Alessandria fuori in 4: gli squalificati Gucher e Marin, gli infortunati Marconi e Liotti, più lo squalificato tecnico D’Angelo, sostituito dal 2° Taddei, ex grigio anche lui.

ALESSANDRIA – Sempre alla ricerca della prima vittoria casalinga, i grigi hanno due gare in meno: con la Pro Vercelli verrà recuperata martedì 2 aprile alle 20.30, con il Pro Piacenza, verosimilmente, dovrebbero vincere a tavolino. Ma non si sa ancora. Contro il Pisa è squalificato Santini, in infermeria restano GjuraTentoniUsel, mentre Maltese lavora ancora a parte e Akammadu è in forse dopo il problemino che lo ha costretto ad uscire in coppa. Capitolo allenatore: fuori D’Agostino e Mancino, in panchina siederà (con una deroga) Cristian Cassioli, preparatore atletico. L’undici di partenza, disposto 3-5-2, potrebbe essere così: Cucchietti; Prestìa, Gazzi, Agostinone; Gemignani, Gatto, Checchin, Chiarello, Badan; Coralli, De Luca.

ARBITRO – Sarà Michele Di Cairano (Ariano Irpino), assistito da Patric Lenarduzzi (Merano) e Gianluca D’Elia (Ozieri), a dirigere Alessandria-Pisa di domenica 3 febbraio ore 14.30Di Cairano è al 2° anno in serie C e ha un precedente con i grigi: Alessandria-Lucchese 0-0 del 29 marzo 2018. Non ha mai diretto il Pisa.

Print Friendly, PDF & Email