Tanta cultura a Torino fino al 2016

0
1116

Continua la corsa inarrestabile del nostro capoluogo, sempre più votato al turismo, per attrarre in modo continuativo e costante un grande numero di viaggiatori, proponendo eventi, mostre, cose da fare e da vedere .
Segantini-alpe-di-maggioIl mese di dicembre propone delle cose interessantissime e ragguardevoli. Si comincia dalla Mostra della Fondazione Accorsi-Ometto in collaborazione con lo studio Berman di Giuliana Godio, incentrata sul “Divisionismo Italiano”, attaraverso 45 opere di grandi protagonisti di questa corrente artistica, come Segantini, Pelizza da Volpedo, Morbelli, Previati, Balla, Boccioni, Grubicy de Dragon.
Il grande Raffaello sarà a Torino con una mostra a lui dedicata, dal titolo “Il Sole delle Arti”, fino al 24 gennaio 2016, alla Reggia di Venaria. Oltre 130 opere provenienti da importanti musei italiani e stranieri, per far conoscere al grande pubblico il genio di Raffaello da un punto di vista diverso dal solito, quello delle arti applicate.
Hokusai-La-grande-onda-di-KanagawaAl Centro Italiano per la Fotografia, ci sarà la mostra, fino al 10 gennaio 2016, dell’artista Boris Mikkailov, mentre al castello di Rivoli, il museo di arte contemporanea, espone le opere dell’artista tedesco Paloma Varga Weisz.
Si prosegue con il Museo Nazionale dell’Automobile che mette in mostra fino al 20 gennaio 2016, nove modelli di auto assolutamente straordinarie, che possono essere considerate vere e proprie sculture su ruote.
E ancora “Gande Caravaggio e il suo tempo” una mostra organizzata dalla Fondazione Cosso e curata da Sgarbi e Antonio D’amico, che riunisce intorno allopera della Maddalena Penitente dello stesso artista 40 dipinti realizzati da pittori affascinati dal suo “genio” e che hanno voluto raccontare e proporre nei propri dipinti i temi cari al pittore lombardo; fino al 10 aprile 2016 al Castello di Mirandolo – San Secondo di Pinerolo.

 

 

Michele Minardi

Print Friendly, PDF & Email