Storia a Palatium Vetus: Alessandria nel Purgatorio di Dante

0
1138

Oggi alle 16 Palatium Vetus ospiterà una interessantissima conferenza a carattere storico dal titolo “Ascesa e caduta di Guglielmo VII Marchese di Monferrato, Signore di Alessandria”. L’evento è organizzato dalla Fondazione ‘CRAL’ e dal circolo culturale ‘I  Marchesi del Monferrato’.  L’incontro sarà aperto dal presidente della Fondazione, Pier Angelo Taverna, padrone di  casa, seguito dai due relatori Roberto Maestri e Giancarlo Patrucco. L’argomento è particolare e svela dettagli poco noti della storia della città, visto che il Marchese del Monferrato Guglielmo VII (1240-1292) rivestì un ruolo di primo piano tra i più illustri prìncipi del Duecento, tanto da meritarsi l’immortalità grazie ai versi (133-136, gli ultimi) che gli dedicò Dante nel settimo canto del Purgatorio: “Quel che più basso tra costor s’atterra, / guardando in suso, è Guglielmo marchese, / per cui e Alessandria e la sua guerra / fa pianger Monferrato e Canavese”.  Fine ingloriosa, quella del ‘Gran Marchese’, dove spiccano ancora una volta furbizia e cinismo degli alessandrini che, con l’inganno, lo catturarono, tenendolo prigioniero in una gabbia, proprio a Palatium Vetus, dove finì i suoi giorni. (r.b.)

Print Friendly, PDF & Email