Tortona:la Guardia di Finanza scopre 77 slot machines utilizzate fuori dagli orari di legge: multe per due gestori

0
1238

Nei giorni scorsi i militari del dipendente Gruppo di Tortona hanno portato a termine una serie di interventi volti a riscontrare il rispetto dell’ordinanza comunale n. 3/2017 – entrata in vigore il 20 gennaio scorso – con la quale è stata data concreta attuazione ad una recente Legge Regionale finalizzata a contrastare i crescenti danni creati dalla ludopatia. Tale ordinanza prevede, tra l’altro, che le macchine tipo “slot” possano essere accese e funzionanti solo tra le ore 14:00 e le ore 24:00, così da limitare le possibilità di gioco di eventuali giocatori patologici. L’attività, inizialmente, è stata svolta da molteplici pattuglie, appiedate ed automontate, le quali con un’azione sinergica e contestuale, hanno controllato tutti gli esercizi commerciali in possesso di videoslot e VLT: le violazioni constatate hanno riguardato ben 29 macchinette accese in orario non consentito presso uno degli esercizi più in vista della città. Inoltre, nella notte tra sabato e domenica, durante lo svolgimento degli ordinari controlli per la regolare emissione di scontrini e ricevute, presso un esercizio commerciale tortonese che mette a disposizione videoslot e VLT, sono state rinvenute 48 macchinette accese dopo le 24:00. Le sanzioni previste vanno da un minimo di 500 ad un massimo di 1.000 euro per ogni macchinetta accesa. Ingegnoso il sistema adottato dall’esercente al fine di consentire il gioco dopo le ore 24:00: arrivata la mezzanotte, veniva abbassata la serranda del locale, ma all’interno i giochi continuavano ad essere attivi in quanto videslot e VLT rimanevano accesi, ed i giocatori potevano utilizzarli in tutta tranquillità. Nonostante l’esercizio risultasse chiuso, l’accesso era garantito poiché il gestore controllava l’esterno mediante una telecamera. Gli appostamenti effettuati dai militari hanno consentito di appurare che al giocatore bastava bussare, girare il viso verso la telecamera per farsi riconoscere e salutare con la mano: entro due minuti gli veniva consentito l’accesso. Così, sfruttando i momenti di afflusso e deflusso dei giocatori, i militari sono riusciti ad entrare nel locale, procedendo con le contestazioni del caso. I controlli nello specifico settore proseguiranno anche nei prossimi mesi, ed è auspicabile che tutti si adeguino a questa nuova ordinanza, così importante per la collettività.

Print Friendly, PDF & Email