Brevi di cronaca

0
1321
Acqui Terme.

I Carabinieri della Stazione di Acqui Terme, al termine di una complessa e lunga attività investigativa, hanno deferito in stato di libertà 28 persone, una di Acqui Terme e le altre residenti tra le province di Napoli, Caserta e Salerno. I reati contestati vedono la falsa intermediazione assicurativa, falsità in atto pubblico e truffa ai danni delle assicurazioni.

Le indagini della Stazione di Acqui Terme, iniziate nel 2015, erano partite a seguito di una segnalazione giunta da una compagnia assicurativa in ordine a un assicurato, risultato formalmente residente ad Acqui con assicurazione RC auto accesa presso un’agenzia della città della bollente.

L’accertamento effettuato dai militari quale controllo di routine permetteva di scoprire come l’assicurato non fosse mai stato residente ad Acqui Terme presentando all’agenzia non solo una falsa dichiarazione ma anche una falsa copia della carta d’identità.

L’indagine permetteva di acclarare come un 45enne campano, da anni residente ad Acqui e già noto alle FF.PP. per diversi reati, si fosse presentato presso l’agenzia di Acqui Terme al fine di far stipulare contratti RC auto a diverse persone, a suo dire parenti e amici, presentando lui stesso i documenti necessari e le copie delle carte d’identità.

Sono quindi emersi oltre trenta contratti RC auto stipulati in questo modo a nome di ventisette diversi contraenti formalmente residenti ad Acqui Terme o in altri comuni dell’alessandrino e della Valle d’Aosta.

Gli accertamenti esperiti permettevano di evidenziare la falsità delle carte d’identità presentate dal 45enne e dai contraenti tutti in realtà residenti nei comuni delle province di Napoli, Salerno e Caserta.

Lo truffa mirava all’ottenimento di costi dell’assicurazione RC più bassi rispetto a quelli riscontrabili nei comuni delle province campane, decisamente più alti di quelli dei comuni piemontesi e valdostani, stante il diverso “quoziente residenza”.

Alle ventisette persone è stato contestato il reato truffa e falsità in atto pubblico (per le false carte d’identità) mentre al 45enne campano, oltre alla complicità con i predetti, è stato contestato il reato di falsa intermediazione assicurativa, essendosi posto quale mediatore tra i clienti e l’agenzia assicurativa pur senza essere iscritto al previsto albo.

 
Acqui Terme.

I militari della Stazione di Acqui Terme hanno deferito in stato di libertà, con l’accusa di furto aggravato, un 14enne marocchino, residente in un comune dell’acquese, già noto alle FF.PP. nonostante la giovane età. I fatti risalgono al 5 novembre scorso, quando un ignoto, poi identificato nel 14enne, si era introdotto negli uffici dell’azienda dei trasporti, presso il Movicentro, asportando oltre 120 euro dalla cassa. Le indagini, attivate mediante la visione di impianti di videosorveglianza sia comunali che privati, hanno permesso di identificare il ragazzo e di deferirlo alla Procura dei minori di Torino.

 
Rivalta Bormida.

Nella nottata tra venerdì  e sabato, i militari dell’Aliquota Radiomobile di Acqui hanno tratto in arresto, con le accuse di resistenza, violenza e minaccia a pubblico ufficiale, Andrea PUGNI 27enne cuneese, da tempo residente a Prasco, già noto alle FF.PP..

I militari dell’Aliquota Radiomobile erano stati chiamati nel territorio di Rivalta Bormida per un incidente stradale in cui il Pugni e la controparte non erano riusciti a concordare sulla redazione della constatazione amichevole. Inoltre, sul posto era intervenuta un’ambulanza del 118 per visitare i due che, comunque, non avevano riportato particolari traumi. All’arrivo dei Carabinieri, il PUGNI, in palese stato di alterazione alcolica, ha iniziato a inveire contro i militari e a minacciarli temendo la prova dell’etilometro. La stessa, ugualmente effettuata, permetteva di acclarare un tasso alcolemico pari a oltre 2.30 g/l. A quel punto, compreso che avrebbe avuto la patente ritirata e la macchina sequestrata, il PUGNI ha iniziato a colpire i militari con spintoni e calci, cercando di evitare la prosecuzione del controllo. Uno dei militari è stato colpito a un polso e a un polpaccio, riportando contusioni curabili in alcuni giorni.

A quel punto, il PUGNI è stato immobilizzato e tratto in arresto con le accuse di resistenza, violenza e minaccia a pubblico ufficiale, nonché deferito per la guida in stato di ebbrezza alcolica. Trattenuto presso le camere di sicurezza della Compagnia di Acqui Terme, nella mattina di sabato è stato condotto presso il tribunale per la direttissima, all’esito della quale l’arresto è stato convalidato e l’udienza è stata rinviata alle prossime settimane. All’esito della stessa, il PUGNI è stato accompagnato presso la propria residenza, in regime di arresti domiciliari, in attesa del processo.

Print Friendly, PDF & Email