Pranzo dell’amicizia e della solidarieta’ per “Adotta un disabile e accompagnalo in vacanza”

0
1018

Una splendida giornata di sole ha illuminato il campeggio “Gran Paradiso” in Valsavaranche dove ogni anno, da diciotto anni, un numeroso gruppo di giovani disabili trascorre le ferie grazie al service ADOTTA UN DISABILE E ACCOMPAGNALO IN VACANZA, promosso dal Distretto Lions 108 IA2 di cui è officer il valenzano Piero Arata.

Una tradizione pienamente rispettata, iniziata con la Santa Messa, officiata nel piazzale del campeggio, seguita dall’esibizione del coro alpino “Chateau Argent” e conclusasi con il “Pranzo dell’amicizia e della solidarietà” all’ombra dei pini secolari, in sottofondo il rumore della cascata. Un centinaio i presenti, provenienti dall’Italia e dall’estero che, da un anno all’altro, rinnovano l’appuntamento.

Numerosi i Lions che si sono stretti intorno a Piero Arata a testimonianza della stima e dell’affetto per il suo impegno sociale e gli hanno consegnato i proventi di una generosa raccolta fondi condotta dai Club della provincia di Alessandria dall’inizio dell’anno fino a oggi: circa 10.000 euro. In particolare hanno contribuito i Club della 3° e 4° Circoscrizione, rappresentati dalla presidente Marì Chiappuzzo, organizzando l’evento “Lions Vintage Chic”, il Club Bosco Marengo Santa Croce che il 9 e 10 giugno scorso ha promosso “Un week end a Bosco Marengo” con la presidente Marzia Maso accompagnata da un gruppo di Lions Rider del nuovo club satellite “La Fraschetta”, la prima tappa della COPPA DEL GOVERNATORE GOLF TROPHY con Virginia Viola officer distrettuale, i fondi raccolti nel corso della giornata. L’aiuto più consistente di 4.000 mila euro è stato quello degli amici del Lions Club Valenza Host con il neo presidente Marco Bocca e il tesoriere distrettuale uscente Carlo Bajardi.

Nel 2018, grazie a questo service, sono stati finora 49 i giovani disabili, tutti provenienti da famiglie disagiate, che hanno potuto usufruire di una settimana di vacanza completamente gratuita: viaggio, vitto, alloggio e assistenza compresi. Il primo gruppo di 18 ragazzi proveniva dal Centro “Paolo VI” di Casalnoceto, il secondo gruppo di 14 da Alessandria, Novi Ligure e Tortona e il terzo di 17 dall’ANFASS di Casale Monferrato.

Print Friendly, PDF & Email