L'attore americano Sidney Poitier, originario delle Bahamas, fu il 1° nero a vincere l'Oscar (1964)

Frase del giorno

Il bordello è l’unica istituzione italiana dove la competenza è premiata e il merito riconosciuto. (Indro Montanelli)

Santi del giorno

Sant’Eleuterio di Tournai (Vescovo), Sant’Eleuterio di Costantinopoli (Martire), San Tirannione (Martire), San Zenobio (Sacerdote e Martire), Sant’Eucherio di Orleans (Vescovo), Sant’Ulrico (Eremita venerato ad Haselbury), Beata Amata da Assisi.

Accadde oggi

  • 1792 il presidente Usa George Washington firmò il ‘Postal Service Act’, fondando di fatto il Servizio Postale americano.
  • 1798 papa Pio VI abbandonò Roma, occupata dalle truppe francesi.
  • 1872 inaugurato a New York il Metropolitan Museum of Art.
  • 1909 Filippo Tommaso Marinetti pubblicò il ‘Manifesto del Futurismo’.
  • 1958 promulgata in Italia la ‘Legge Merlin’, che abolì le case di tolleranza.

Nati famosi

  • Mihály Munkácsy (1844-1900), Ungheria, pittore. Nato a Munkács col cognome Lieb, preferì il nome d’arte per l’attaccamento alla sua terra. Orfano allevato dagli zii, studiò a Parigi e si oppose alle idee impressioniste, influendo poco sulle generazioni seguenti. Dipinse 600 opere, molte deteriorate per via di un fondo di colore al bitume, la cui ossidazione le annerì quasi subito.
  • Sydney Poitier (1927-2022), Usa, attore. Nato a Miami da genitori delle Bahamas, crebbe a Nassau fino ai 15 anni poi tornò in Usa, si arruolò mentendo sull’età, fece il lavapiatti, poi riuscì a studiare teatro. Fu il 1° attore nero a vincere l’Oscar per ‘I gigli nel campo’ (’64) che gli portò anche il Golden Globe. Ma i film più famosi furono ‘Indovina chi viene a cena’ e ‘L’ispettore Tibbs’ (’67), ‘Sulle tracce dell’assassino’ (’88). Si sposò 2 volte ed ebbe 6 figlie, poi ricevette l’Oscar alla carriera (’02). Morì il 6 gennaio ’22.
  • Cindy Crawford (1966), Usa, modella. Tra le più affascinanti di sempre, fu la prima top model a posare nuda per la rivista Playboy. Nel settore è tra le più ricche in assoluto, con un patrimonio di oltre 100 milioni di dollari.
  • Kurt Kobain (1967-1994), Usa, cantautore e musicista. Fu frontman dei ‘Nirvana’,  gruppo ‘grunge’ (‘sudicio’), genere musicale detto ‘Seattle sound’. La sua breve vita di eccessi ed eroina lo portò al suicidio, diventando uno dei maledetti del rock.
  • Siniša Mihajlović (1969), Serbia, ex-calciatore e allenatore. Nato a Vukovar (Croazia), difensore di Vojvodina, Stella Rossa, Roma, Samp, Lazio, Inter (563-96), vinse 3 scudetti slavi, 2 italiani (1 Lazio, 1 Inter), 4 Coppe Italia (2 Lazio, 2 Inter), 3 Supercoppe (2 Lazio, 1 Inter), 1 Coppa Campioni e 1 Intercontinentale (Stella Rossa), 1 Coppa Coppe e 1 Supercoppa Uefa (Lazio). Da allenatore ha guidato Catania, Fiorentina, Samp, Milan, Torino, Bologna.
  • Rihanna (1988), Barbados, cantante. Nata a Saint Michael, Robyn Rihanna Fenty esordì a 17 anni con ‘Music of the Sun’. Pubblicò altri 7 album senza fallire un colpo. Fenomeno planetario ‘pop’ e ‘rhythm & blues’, molto sexy, nel ’12 fu inclusa da ‘Time’ tra le persone più influenti al mondo, mentre ‘Forbes’ la stimò artista femminile più ricca (’19) con patrimonio di 600 milioni $.

 

Di Raimondo Bovone

Ricercatore instancabile della bellezza nel Calcio, caparbio "incantato" dalla Cultura quale bisettrice unica di stile di vita. Si definisce "un Uomo qualunque" alla ricerca dell'Essenzialità dell'Essere.