Allenare i giovani atleti

0
391

Lattività sportiva sistematica di bambini e degli adolescenti; dal punto di vista dello sport ad alto livello; viene considerata come la fase iniziale di un processo di formazione a lungo termine fino ad arrivare allallenamento di alto livello.A tal proposito svolge un ruolo di importanza fondamentale lallenatore; soprattutto nei bambini e negli adolescenti; in quanto rappresenta la figura preposta a consigliare in maniera critica il giusto allenamento da intraprendere.Il contenuto di tali allenamenti infatti viene studiato in base agli obbiettivi e ai compiti per una preparazione mirata a raggiungere alte prestazioni sportive; nonché agli obiettivi e ai lavori tecnici particolari della rispettiva fase di preparazione.I traguardi da raggiungere dipendono in modo particolare dalletà del bambino e dalla disciplina sportiva prescelta: due elementi fondamentali e significativi per sviluppare il loro allenamento.Numerosi studi hanno evidenziato che in linea di massima andrebbe seguita una preparazione fisica generica tra i 6 e 10 anni; occorre poi spostare il lavoro su di una specializzazione sportiva generale tra i 10 e i 14 anni; in seguito inoltrarsi su di un lavoro mirato a una disciplina specifica tra i 14 e i 15 anni. Si conclude con un lavoro di perfezionamento della disciplina scelta in precedenza.In troppi casi invece si vedono allenatori saltare le prime fasi di lavoro. Inoltre; cosa ancor più grave; la maggior parte delle volte sono gli stessi genitori che spingono a tali errori il Mister di turno perchè vogliono un calciatore o un pallavolista finito già a 7-8 anni. Risulta difficile infatti far capire ai genitori che; prima di tutto; bisogna puntare a un lavoro generale che dia al proprio figlio quelle basi che gli permetteranno in futuro di affacciarsi liberamente su una o più discipline.A cura di Davide Balduzzi

Print Friendly, PDF & Email