La Juventus U23 vince 2-1 nel recupero contro il Novara in nove

0
11

La Juventus U23 rialza la testa dopo la batosta di Lecco e torna a vincere, battendo 2-1 il Novara nel derby piemontese. Ed è stato il primo successo bianconero al 6° tentativo.
La squadra di Zauli è sembrata ancora scossa dai 4 gol subìti in riva al lago, ha sbagliato molto, ma poi la sua qualità ha prevalso. Sfortunati i ragazzi di Banchieri, che han forse giocato meglio, ma son rimasti in 10 ad inizio ripresa e in 9 al 90′. E, pur meritando il pari, con due in meno son crollati, perdendo per un gran gol del franco-ivoriano Aké.
Ora la Juve U23 sale a 43 punti, in piena zona playoff, accorciando sulle prime, mentre il Novara resta a quota 31, appena fuori da quella playout. 

LA PARTITA – Juve U23 abbottonata col 4-4-2, Novara col 4-2-3-1. Bianconeri un po’ distratti in avvìo: concedono due palle-gol a Zunno (2′) e Gonzalez (10′), ma Nocchi si oppone. Al 19′ Marqués scappa sulla destra e crossa, Lanni con la mano toglie a Brighenti la palla del vantaggio. Che arriva però al 24′, sempre col centravanti che in mischia è il più rapido a toccare in rete l’1-0. Gli azzurri reagiscono: al 30′ testa di Bove che sfiora il palo. Si gioca di qua e di là, senza troppa tattica, la partita è bella e veloce.
Al 32′ Ranocchia impegna Lanni su punizione, al 34′ Zunno crossa da sinistra e Corsinelli tocca debole di testa, Nocchi controlla. Al 40′ il pareggio: palla vagante in area Juve, Zunno è il più veloce a leggerla e a toccarla in rete, 1-1.
La ripresa comincia male per gli ospiti. Al 51′ Bove sbaglia il tempo sulla palla e ferma Marqués lanciato: secondo giallo ed espulsione. Novara in dieci. Al 58′ cross di Correia, testa di Marquès, parato facile. Al 72′ gran giocata di Panico, ma Nocchi vola e neutralizza il sinistro. Al minuto 83 è Lanni che para una punizione di Rafia, poi all’87′ toglie un cross di Di Pardo. Al 90′ si infortuna Cagnano, il Novara resta in nove.
E fatalmente crolla: al 92′ Aké dal limite spara col sinistro e fa 2-1. Vince la Juve U23.