Arriva una rigenerata Carrarese,
la Juventus U23 cerca la vittoria che
in campionato manca da 42 giorni

0
432
La gioia di Zanimacchia dopo il gol del pareggio contro i grigi nel recupero di mercoledì scorso

La Carrarese non è mai un avversario banale. Dopo la ‘autosospensione’ dell’allenatore Baldini in seguito alla sconfitta con l’Albinoleffe, durata qualche giorno, i giocatori giurano di avere ritrovato compattezza. E infatti (con Baldini di nuovo in panchina) hanno battuto la Pro Vercelli il 1° dicembre, tornando al successo dopo un novembre negativo (2 punti in 4 partite). Ma non basta. I gruppi di ultras della squadra toscana diserteranno la trasferta ad Alessandria in contrasto con le ‘squadre B’ in terza serie “…. per non seguire le logiche di un calcio sempre più regolato dal profitto e sempre meno dal sentimento….”. Insomma, la Carrarese sarà senza tifosi al seguito, ma è una squadra ritrovata. 
E la Juventus U23? E’ in pieno ‘turbillon’ di partite, ovvero 8 in 26 giorni, e questa con i toscani è la quarta. L’obiettivo bianconero è la vittoria, che in campionato manca dal 27 ottobre (1-0 sulla Pergolettese). Sarà una bella partita, tutta da godere…

CARRARESE – Situazione quasi identica alla scorsa stagione: squadra più vecchia del girone (età media 28.1 anni), in panchina Silvio Baldini (61) che utilizza il 4-2-3-1allena ‘gratis’ (con un ‘bonus’ promozione) puntando sul gruppo, guardando al bel gioco e ripetendo: “Siamo una squadra operaia che lotta contro il capitalismo del calcio moderno”. L’obiettivo è sempre vincere e salire di categoria, ma la stagione è ‘altalenante’: in TIM CUP  la Carrarese ha superato il 1° turno (6-5 alla Fermana dopo i rigori) uscendo l’11 agosto (0-4 col Frosinone). In campionato è 5^ con 27 punti, frutto di 7 vittorie, 6 pareggi e 4 sconfitte, con 28 gol fatti (2° attacco dopo il Monza) e 22 subìti.
Nelle ultime 5 gare ha vinto una sola volta (il 1° dicembre 3-2 con Pro Vercelli) e ha perso due (Lecco e Albinoleffe). La rosa è di 23 elementi (3 stranieri) e come detto sopra piuttosto ‘datata’, eppure Baldini ha dichiarato che “è la migliore rosa della sua gestione a Carrara”. Psicologìa calcistica. Il miglior marcatore della stagione, fin qui, è Infantino (7), seguito da Tavano (4); sotto tono Maccarone (2).

PRECEDENTI – Sono pochi e negativi per la Juventus U23: 2 sconfitte nel campionato passato, 4-0 in Toscana (Piscopo 2, Tavano, Caccavallo) alla 2^ giornata e 1-0 al ‘Moccagatta’ (Rosaia) alla 21^. Gol 0 fatti e 5 subìti.

JUVENTUS U23 – Squadra 9^ con 22 punti, di un soffio dentro la zona playoff, ma c’è una gara da recuperare (Gozzano, 11 dicembre). E’ infortunato solo Delli Carri, per cui mister Pecchia ha un’ampia scelta per ruotare i ragazzi dopo lo sforzo infrasettimanale nel ‘derby del Moccagatta’, anche se Muratore e Portanova sono volati a Roma con la prima squadra e non è chiaro se possano essere in panchina o no. Visti gli esperimenti attuati ogni tanto, non c’è la certezza del modulo, però se fosse 4-2-3-1 potrebbe essere così: Nocchi; Rosa, Alcibiade, Mulé, Beruatto; Clemenza, Touré; Han, Lanini, Olivieri; Mota-Carvalho.

ARBITRO – L’arbitro scelto dal designatore Damato per ‘fischiare’ Juventus U23-Carrarese di domenica 8 dicembre (ore 15) è Giuseppe Emanuele Repace (PG), assistito da Fabio Mattia Festa (AV) e Giuseppe Pellino (Frattamaggiore). L’arbitro Repace, al 2° anno in serie C, non ha mai diretto la Carrarese mentre ha 6 precedenti con la Juve: il 6 ottobre scorso diresse Pianese-Juve B 0-1, cui vanno aggiunti 5 matches dell’U17 (3 vittorie, 1 pari e 1 sconfitta).

Print Friendly, PDF & Email