7.1 C
Alessandria
giovedì, Gennaio 27, 2022

Colite

Le intolleranze alimentari

Leintolleranze alimentarisono molto di moda; anche se in pochi hanno una idea chiara nemmeno di cosa siano.

Partiamo quindi cercando di definire cosa sono. Per dare unadefinizione coerente di intolleranza alimentare; bisogna innanzitutto definire il concetto direazione avversa al ciboe inquadrare al suo interno quello di intolleranza alimentare.

Alcune email sulle intolleranze alimentari:

Intolleranza al lievito di birra e al lievito chimico

Intolleranze: a volte sono vere (spesso no)!

Le reazioni avverse al cibo e le intolleranze alimentari

Si parla di reazioni avverse al cibo ogni qual volta vi è un disturbo legato all’assunzione di un cibo. L’European Academy of Allergology and Clinical Immunology ha proposto la distinzione tra reazioni tossiche e non tossiche. Le reazioni tossiche; o da avvelenamento; sono causate dalla presenza di sostanze tossiche nell’alimento (per esempio l’avvelenamento da funghi). Le reazioni non tossiche; invece; dipendono dalla suscettibilità dell’individuo e si suddividono inallergieeintolleranze alimentari.

Le intolleranze alimentari possono essere definite come tutte quelle reazioni avverse al cibo non mediate dai meccanismi di ipersensibilità immediata tipici delle allergie alimentari; che saranno oggetto di un’altro articolo.

In genere; una intolleranza alimentare si presenta con le seguenti caratteristiche:

  1. è solitamente dose dipendente; ovvero la gravità dei sintomi aumenta all’aumentare della quantità di sostanza assunta;
  2. può coinvolgere o meno il sistema immunitario del soggetto colpito;
  3. può avere un effetto ritardato; ovvero l’ingestione della sostanza a cui si è intolleranti può scatenare una reazione anche a distanza di ore dall’assunzione;
  4. può avere una soglia di tolleranza; ovvero può esistere una soglia quantitativa al di sotto della quale la molecola incriminata non causa alcun sintomo.

Non è corretto (come si legge in alcuni siti) definire leintolleranze alimentaricome reazioni avverse al cibo che non coinvolgono il sistema immunitario; è invece corretto affermare che possono coinvolgerenon soloil sistema immunitario.

Le vere intolleranze alimentari

Malgrado esistanotest per le intolleranze alimentari(a scientificità molto dubbia) che promettono di verificare la sensibilità dell’organismo nei confronti di centinaia di alimenti; esistono solamente 4 sostanze in grado di provocare intolleranze; i cui effetti sono stati sufficientemente studiati; e quindi riconosciute dalla comunità scientifica:

  • intolleranza al lattosio;
  • intolleranza al fruttosio e/o al sorbitolo;
  • intolleranza al glutine;

L’intolleranza agli zuccheri(lattosio; fruttosio e sorbitolo) è dovuta a un deficit enzimatico. Questi disaccaridi (zuccheri composti dall’unione di 2 zuccheri semplici) non vengono scissi nei loro costituenti monosaccaridi e quindi non vengono assimilati; richiamano liquidi per effetto osmotico e vengono fermentati dalla flora batterica intestinale con una forte produzione di gas che causa tutta una serie di disturbi intestinali: diarrea; flatulenza; sindrome del colon irritabile; ecc.

Queste intolleranze alimentari sono piuttosto diffuse e sono spesso la causa di problemi intestinali cronici come la sindrome del colon irritabile [1; 2].

L’intolleranza al glutineomorbo celiacoviene trattata in un articolo specifico. Sta prendendo sempre più consistenza l’ipotesi che esistano forme di intolleranza al glutine che non vengono rilevate dai test per la celiachia; chiamate NCGS (Non-Celiac Gluten Sensitivity) per cui si parla in modo generico di intolleranza al glutine piuttosto che di celiachia; e di altre forme silenti; che non si manifestano con evidenti sintomi intestinali; ma con altri sintomi generici o associate ad altre patologie autoimmuni [3; 4; 5; 6]. Si sospetta che questi casi di intolleranza al glutine; siano molto più frequenti rispetto a quelli attualmente riconosciuti (lo 0;5% della popolazione).

Intolleranze alimentari: cosa fare

I sintomi potenzialmene causati da una intolleranza alimentare sono talmente vari e diffusi che la quasi totalità delle persone che soffre di qualche disturbo può essere portata a credere di essere intollerante a qualche alimento.

Infatti; i sintomi possono essere intestinali; dermatologici; neurologici; dell’apparato urinario; muscolo-scheletrico o respiratorio. È per questo motivo che le intolleranze alimentari son così di moda: risolvono praticamente tutti i mali! Cosa fare allora?

  1. evitare i test per le intolleranze alimentari: la scienza ha ampiamente decretato il loro fallimento;
  2. eliminare l’alimento a cui si pensa di essere intolleranti dalla propria alimentazione.
  3. verificare il miglioramento dei sintomi.Se si verifica un miglioramento netto; allora si può procedere inserendo gradualmente gli alimenti eliminati; finché non si nota un peggioramento netto dello stato di salute; al fine di trovare un equilibrio che consenta di gestire al meglio la propria alimentazione. Se il miglioramento non è netto; allora è molto probabile che sia frutto del caso e non dell’intolleranza presunta.

Dato che le intolleranze “vere” sono relativamente poche; non costa troppo tempo e sacrifici fare un test infallibile e a costo zero. Se si pensa di essere intolleranti al lattosio; occorre eliminare il latte e tutti i derivati del latte (di qualunque specie animale!). Se si pensa di essere intolleranti al fruttosio/sorbitolo; si devono eliminare tutti i cibi contenenti elevate quantità di fruttosio (quelli che contengono sciroppo di fruttosio; il miele) e limitare il consumo di frutta. Il sorbitolo è contenuto in alcuni prodotti dietetici come dolcificante ed è quindi facile da eliminare.

La dieta priva della sostanza sospetta deve essere protratta per almeno2; meglio se 3 settimane; e deve provocare un netto miglioramento dei sintomi; o meglio la loro scomparsa.

Per quanto riguarda l’intolleranza al glutine; si procede esattamente allo etssso modo; eliminando tutti gli alimenti che lo contengono per almeno 2-3 settimane. In rete esistono diversi siti che aiutano a scegliere gli alimenti che non contengono glutine.

Nel caso dell’intolleranza al glutine; in seguito a un miglioramento netto dei sintomi; è bene non reintrodurlo poiché in questo tipo di intolleranza; in genere; la soglia di tolleranza è zero.

0 0 voti
Valutazione articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
- Advertisement -

Popolari

Social

4,523FansMi piace
3,520FollowerSegui
2,512FollowerSegui
Zapping sfoglia PDF online
Zapping Casa sfoglia PDF online
Zapping da Leggere sfoglia PDF online

Ultimi articoli

0
Vorremmo sapere cosa ne pensi, scrivi un commento.x
()
x