7.4 C
Alessandria
giovedì, Ottobre 28, 2021

Luoghi e storie alessandrine

Alessandria è la prima città italiana in cui è approdato il velocipede, per merito di un tal Carlo Michel, un birraio che, nel 1867 si trovava a Parigi durante l’esposizione del mezzo. Questo, come tanti altri aneddoti e curiosità storiche, sono celati nei monumenti, nelle strade e nelle piazze della città, seppur in pochi lo sanno. Anche Palazzo Rosso, uno degli edifici alessandrini principali e sede del Comune, nasconde un aneddoto storico. Era il 2 agosto del 1215 quando gli alessandrini assediarono la Città di Casale, storicamente acerrime nemiche. Molti abitanti furono trucidati e tante donne violentate. Protagonisti del saccheggio anche i corpi di tre santi (Evasio, Natale e Proietto), che furono trasportati ad Alessandria insieme a due oggetti estremamente curiosi: le statue di un angelo e di un galletto. Inizialmente il “bottino della vittoria” fu depositato presso il vecchio Duomo, ma, dopo la sua demolizione, voluta per mano di Napoleone, i corpi dei santi furono restituiti alla città di Casale, l’angelo andò perduto ed il galletto, simbolo della vittoria contro i casalesi, fu posizionato in cima a Palazzo Rosso.
Altro luogo, altra storia. Lungo la statale che porta a Spinetta si trova uno degli esemplari storici più affascinanti della città: il Platano di Napoleone. La leggenda narra che sia stato piantato proprio da Napoleone, in memoria dei circa 2’000 soldati morti durante la battaglia di Marengo e dei circa 10’000 feriti di entrambi gli schieramenti, di cui 7’000 morirono successivamente per la gravità delle lesioni.

0 0 voti
Valutazione articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
- Advertisement -

Popolari

Social

4,523FansMi piace
3,520FollowerSegui
2,512FollowerSegui
Zapping sfoglia PDF online
Zapping Casa sfoglia PDF online
Zapping da Leggere sfoglia PDF online

Ultimi articoli

0
Vorremmo sapere cosa ne pensi, scrivi un commento.x
()
x