L’Alessandria pareggia e aggancia la vetta
La Cremonese perde e “vede” la serie B

0
1539

Che paradosso! L’Alessandria torna in testa ma non è prima: i punti sono 75, come quelli della Cremonese, ma i risultati degli scontri diretti lasciano i grigiorossi lombardi al primo posto e i grigi piemontesi al secondo. A fine partita son tornate alla mente le parole di patron Di Masi dopo la gara col Renate: il Livorno ha fatto in pieno il proprio dovere, vincendo 1-0 con la squadra di Tesser, ma è l’Alessandria che non ha fatto il suo, pareggiando 1-1 una partita da vincere sul campo della penultima in classifica.
E lo svolgimento della gara di Livorno ha visto la ‘Cremo’ sbagliare un rigore, regalare il gol, esaltare le qualità del portiere Mazzoni, sbagliare altri gol, colpire un palo, vedersi un gol annullato al 94′.
Insomma, un altro grosso regalo fatto ai grigi che, dopo essere passati in vantaggio all’8′ su rigore con Evacuo, hanno subito un gol imbarazzante da una squadra ‘ingollabile’ al 36′: punizione di La Camera, torre di Mazzarani, tap-in di Gigli, il migliore in campo. E i difensori mandrogni fermi a guardare. Quanti gol presi così, quante vittorie buttate, quante occasioni sprecate….. Eppure il destino ancora non relega l’Alessandria ai playoff. C’è ancora una piccola, impalpabile chance, che però è reale: domenica si giocano Cremonese-Racing Roma e Alessandria-Pontedera, e se vincono entrambe la Cremonese sarà in B e l’Alessandria ai playoff. Però se i lombardi scivolano di nuovo….

So che è sperare l’impossibile, però la matematica non chiude ancora la porta. Certo che la squadra vista a Tivoli di strada ne fa poca, anche se il forcing degli ultimi 30′, generato dal vantaggio livornese, ha fatto sperare nella vittoria, però sono troppi i gol sbagliati, che pesano come macigni sull’1-1 finale. E quello che preoccupa è l’atteggiamento della squadra, molle, poco ‘cattiva’, inconcludente, se non nel periodo conclusivo, quasi ‘per obbligo’, visto che la Cremonese stava perdendo.

E poi sabato l’attuale capolista giocherà in uno stadio pieno, entusiasta, caricato a molla, che proverà a trascinarla in serie B, mentre l’Alessandria sarà al ‘Mocca’ con quale clima?
Pochi tifosi? Qualcuno inciterà, oppure tutti zitti a vedere che succede? O addirittura aria pesante e contestazione?
Difficile prevederlo, però per la squadra sarà complicato comunque….e da questa situazione si deve tirare fuori da sola, perché da sola ci si è cacciata.

Print Friendly, PDF & Email