Cinema d’essai: L’insaziabile

0
910

Se la cinematografia dell’orrore ha dato vita a numerose e insipide pellicole trash, il film “L’insaziabile” è in grado di soddisfare il pubblico più esigente e ricercato. Diretto da Antonia Bird, la storia riprende alcuni episodi di cronaca della seconda metà dell’Ottocento, quando, durante le spedizioni di pionieri americani diretti in California, si registrarono alcuni casi di cannibalismo. Protagonista della vicenda è il capitano John Boyd (Guy Pearce), trasferito nella fredda regione della Sierra Nevada, dove si trova a convivere con uno sparuto gruppo di bizzarri militari. l'insaziabile-locandinaIl caso vuole che qui incontri Colqhon (Robert Carlyle), uno strano individuo che si presenta come l’unico superstite di una spedizione dall’esito tragico. Boyd decide di mettersi in viaggio per fare chiarezza su quanto accaduto alla carovana, scoprendo che Colquhon è in realtà un cannibale che si è cibato delle carni dei compagni. Di ritorno al forte, il capitano decide di mantenere il massimo riserbo sulla questione, non volendo coinvolgere i colleghi, affinchè questi rimanessero all’oscuro delle azioni turpi che si era costretto a commettere in quella circostanza per sopravvivere. Mesi dopo, però, il cannibale tornerà al forte sotto mentite spoglie. Il capitano Boyd sarà, quindi, coinvolto in un sottile gioco psicologico che ha in palio la vita…

 
MR

Print Friendly, PDF & Email