25 dicembre: i film di ieri e di oggi

0
1429

Le festività sono considerate da sempre un modo per sfuggire dalla quotidianità, e ritrovare tempo e piacere per le piccole gioie dell’umana condivisione e il calore degli affetti; il grande schermo è stato testimone dei cambiamenti economici e sociali che hanno reso il mondo, e di conseguenza il pubblico, così come oggi lo viviamo. Its-A-Wonderful-LifeI film si sono adattati al cambiamento, descrivendo fatti e persone drasticamente diversi tra loro. Ad esempio, paragonando un classico come “La vita è meravigliosa” di Frank Capra e un film di prossima uscita, “Krampus” di Michael Dougherty, il confronto è bizzarro e interessante. Nel primo film citato, la bontà d’animo umana e la solidarietà disinteressata di un “quasi angelo” permettono ad un uomo sfortunato di riprendere in mano la sua vita. Il secondo titolo è una freschissima produzione americana, stessa patria dell’opera precedente, ma racconta una storia molto diversa. La famiglia protagonista, ostile e disomogenea, dovrà fronteggiare una minaccia paranormale: Krampus, un demone nato dalla tradizione tedesca, che invaderà la loro casa e distruggerà il Natale.
Ciò che unisce i due film è la rappresentazione della famiglia appartenente al periodo di uscita nelle sale di entrambi, o lo stereotipo delle stesse. Se nel 1946 abbondavano cooperazione e amorevolezza, nel 2015 l’astio e l’ incomprensione fanno da padrone, e solo l’orrore e l’aberrazione di una minaccia “ultraterrena” potranno far tornare il sereno. Lo schermo ci restituisce una grottesca e desolante visione della famiglia di oggi, ed una eccessivamente buonista della famiglia di un tempo. In quale delle due decideremo di rispecchiarci questo Natale? Ai posteri l’ardua sentenza.

 

Giulia Maino

Print Friendly, PDF & Email