7.4 C
Alessandria
domenica, Gennaio 23, 2022

Laboratori filosofici al liceo Saluzzo-Plana

Ieri pomeriggio, nell’Istituto d’Istruzione Superiore Saluzzo-Plana, si è tenuto un laboratorio filosofico e di P4C per insegnanti. Coinvolti da Antonio Cosentino, quest’ultimi si sono disposti a cerchio intorno ad una lavagna. Dopo le presentazioni, è iniziata la sessione.

È stata fatta notare la posizione circolare della serie, il cosiddetto “setting”, di cui fanno parte anche la voce, i comportamenti, i contenuti. Il cerchio è una metafora: rappresenta una piazza, un posto capace di rendere partecipe tutti i presenti. Riconoscere il “setting”, diventa, in questo modo, uno strumento didattico essenziale, da saper utilizzare.

Roberta Ravazzoni ha succesivamente distribuito una fotocopia di una storia, con scopo didattico, letta a turno. Perché questo metodo di lettura? Lo scopo è quello di mantenere viva l’attenzione e rendere il gruppo interamente partecipe. Il testo, basato sulla concezione di essere e di apparire, ha suscitato tra gli insegnati molti pareri. Vengono poste alcune domande. Il momento delle domande serve a dare a ciascuno uno spazio personale. In questo caso sono state poste a gruppi,in modo, secondo la Philosophy for Children, di aiutare anche i bambini più timidi o introversi. Lo scopo è dare voce a tutti.

Successivamente, gli insegnanti sono stati spinti a scegliere un nuovo argomento, esattamente come se fossero in una classe. Il tema proposto è stato l’accoglienza, verso sè stessi e gli altri, argomento non presente nella storia precedente. Diversi interventi hanno dato luogo a vari pensieri al riguardo. L’accoglienza è formata da un soggetto che accoglie ed un oggetto accolto. All’interno del contesto educativo l’accoglienza deve essere considerata positivamente, come primo passo per il rapporto fra studenti ed insegnati. Il fine è quindi quello di educare, creare e formare. Il ruolo dell’educatore è cambiato e si è evoluto, grazie ad un graduale ampliamento della propria consapevolezza. Generalmente, non è semplice saper accogliere qualcuno, anzi, è un percorso che dovrebbe essere insegnato.

Antonio Cosentino ha affermato che P4C, come progetto educativo basato sulla pratica del filosofare, ha una vasta condivisione di contenuti. Il laboratorio è terminato con un’autovalutazione.

Cristina Gulì

 

Foto di Alessia Gabriele

IMG_4733 IMG_4735 IMG_4736 IMG_4738 IMG_4741 IMG_4742 IMG_4744 IMG_4746 IMG_4747

0 0 voti
Valutazione articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
- Advertisement -

Popolari

Social

4,523FansMi piace
3,520FollowerSegui
2,512FollowerSegui
Zapping sfoglia PDF online
Zapping Casa sfoglia PDF online
Zapping da Leggere sfoglia PDF online

Ultimi articoli

0
Vorremmo sapere cosa ne pensi, scrivi un commento.x
()
x