Mercoledì 3 giugno, 155° giorno
dell’anno, 23^ settimana. Alla fine del 2020 mancano 211 giorni (bisestile)

0
1043
Checco Zalone, oggi 43enne, protagonista con Virginia Raffaele del video "Immunità di gregge"

FRASE DEL GIORNO – La forza mentale distingue i campioni dai quasi campioni. (Rafael Nadal)

SANTI DEL GIORNO – Santa Clotilde (Regina, protettrice degli zoppi), San Carlo Lwanga e compagni (Martiri), San Cecilio di Cartagine, San Davino Armeno (Venerato a Lucca), San Genesio di Clermont (Vescovo), San Kevin (Abate di Glendalough), San Lifardo (Vescovo), Sant’Adamo di Guglionesi (Monaco), Santa Oliva di Anagni (Eremita).

EVENTO DEL GIORNO – Nel 1944 nacque la CGIL. A poche ore dalla liberazione di Roma da parte delle truppe angloamericane, il mondo del lavoro italiano ritrovò la sua unità, dando vita a una nuova grande alleanza sindacale, la Confederazione Generale Italiana del Lavoro (CGIL), attualmente il maggiore sindacato italiano, di ispirazione comunista. Il Patto di Roma fu firmato il 3 giugno dai rappresentanti delle tre anime della resistenza: Giuseppe Di Vittorio (comunista), Achille Grandi (cattolica) ed Emilio Canevari (socialista) e divenne l’atto di nascita della CGIL, alla cui guida venne designato il pugliese Di Vittorio. L’unità sindacale però durò pochi anni: nel ’48 vide la luce la CISL (di ispirazione cattolica, quindi democristiana), nel ’50 la UIL (di ispirazione socialista).
Sono 9 i segretari generali succedutisi alla guida della CGIL dal 1944 ad oggi.

NATI FAMOSI – Tony Curtis (1925-2010), Usa, attore. Nato a New York, bellissimo, si consacrò al successo per la sua interpretazione in “A qualcuno piace caldo” (con Marilyn Monroe e Jack Lemmon). Personaggio versatile, in carriera recitò in oltre 90 pellicole cinematografiche e fu apprezzato dal pubblico “rosa” per il fisico prestante. Portò avanti, contemporaneamente a quella cinematografica, anche l’attività televisiva, recitando in numerosi telefilm di successo, tra cui “Attenti a quei due”. Morì il 29 settembre del 2010 a Las Vegas, a seguito di una lunga malattia polmonare.
Maurizio Mattioli (1950), Italia, attore. Romanaccio doc, il suo primo mestiere fu quello di comico, che lo portò a recitare in una sessantina di pellicole, gran parte delle quali girate con i registi Neri Parenti e Carlo Vanzina. Fece teatro con Garinei e Giovannini, poi al ‘Bagaglino’, e recitò in TV in alcune serie famose come “Un ciclone in famiglia” (’04-’08), “I Cesaroni” (6 stagioni, 142 puntate) e “Immaturi” (’18).
Checco Zalone (1977), Italia comico. È la nuova star della comicità italiana, salito alla ribalta con il suo linguaggio politicamente scorretto e dissacrante, condito spesso da parolacce ed espressioni al limite che dividono la critica tra estimatori e detrattori.
Luca Pasquale Medici (vero nome) nacque a Bari ma crebbe nel piccolo comune di Capurso; dopo la laurea in Giurisprudenza partì per sfondare nel mondo dello spettacolo, esordendo come cabarettista col nome d’arte ‘Checco Zalone’, derivato dall’espressione dialettale barese “che cozzalone!”, traducibile in “che tamarro!”. La fama arrivò con ‘Zelig Circus’ e nel frattempo fece pure il cantante, incidendo singoli di enorme successo, su tutti “Siamo una squadra fortissimi”, inno ‘non ufficiale’ della nazionale di calcio italiana ai Mondiali 2006. Esordì come attore nel ’09 con il film “Cado dalla nubi”, seguito nell’11 da “Che bella giornata”. Altri due anni e nel ’13 uscì il suo terzo film “Sole a catinelle”, che con 51.948.550 euro risultò il 2° film per incassi in Italia (dopo ‘Avatar’). Il 1º gennaio ’16 arrivò nelle sale “Quo vado” e lo scorso 1° gennaio ’20 uscì “Tolo Tolo”, girato in Africa per la regìa dello stesso artista. A tutt’oggi i suoi film hanno incassato 219 milioni di euro e 4 di essi compaiono nella lista dei 10 film di maggior successo del cinema italiano. Autore del nuovo inno della squadra di calcio del Bari, lo scorso 1° maggio lanciò il video musicale “Immunità di gregge”, dedicato in chiave comica alla quarantena ‘anti-coronavirus’
Rafael Nadal (1986), Spagna, tennista. Nato a Manacor (isola di Maiorca), è considerato uno dei migliori tennisti di sempre, numero 1 al mondo ATP per 209 settimane. Le sue numerose vittorie sulla terra gli sono valse il soprannome di ‘The King of Clay’ (“Il re della terra battuta”), superficie sulla quale è considerato il più grande di sempre. Con un patrimonio ad oggi stimato circa 300 milioni di dollari, in carriera ha vinto 19 titoli del ‘Grande Slam’ (1 Australian Open, 12 Roland Garros, 2 Wimbledon, 4 US Open), poi 2 ori Olimpici (singolo a Pechino 2008 e doppio a Rio 2016 con Lopez), 35 tornei ATP Master 1000 (record assoluto), 21 tornei ATP 500, 9 tornei ATP 250 e 5 Coppe Davis con la Spagna (’04, ’08, ’09, ’11, ’19). Mostruoso.

 

Print Friendly, PDF & Email