I risultati dell’incontro tra l’Apn e l’Assessorato Trasporti Regione Piemonte

0
1392

La rimozione dall’orario invernale della fermata a Novi Ligure dei quattro Intercity sulla linea Genova – Torino ha creato notevoli disagi ai pendolari novesi, soprattutto a fronte della mancata risposta alla richiesta fatta dall’Associazione Pendolari Novesi  di coprire il disservizio con un sevizio di treni Regionali Veloci di traccia oraria equivalente.

Il presidente dell’Apn Andrea Pernigotti e l’Assessore ai Trasporti del Comune di Novi Ligure Simone Tedeschi hanno perciò richiesto ed ottenuto un incontro con l’Assessorato Trasporti Regione Piemonte, tenutosi lunedì 20 febbraio, nel quale la Regione Piemonte ha esposto una possibile soluzione alternativa alla rimozione dei quattro intercity grazie alla proposta, formulata nel dicembre 2016 ad Assoutenti,  di far partire da Genova Brignole il treno 2504, treno che attualmente prende origine da Alessandria alle ore 8:31 in direzione Torino; il treno partirebbe da Genova alle 7:30 mentre il  treno complementare che completerebbe la coppia, il 2519, con origine a Torino Porta Nuova alle 14:30 con destinazione Alessandria (15:30), proseguirebbe per Genova con arrivo alle ore 16:30 circa.

Durante la riunione con la Regione Piemonte, come esposto dal presidente dell’Apn  all’assemblea dell’Associazione tenutasi giovedì sera presso la sala consiliare comunale, sono stati discussi altri tre punti importanti per i pendolari novesi, tra cui la richiesta di far fermare a Genova Sampierdarena  i due treni 2501 (mattina) e 2524 (sera) in modo tale da agevolare i lavoratori del polo industriale del ponente che purtroppo è risultata non possibile a causa al cadenzamento orario regionale che garantisce l’ingresso dei treni sul nodo di Genova ad orari precisi e sempre uguali. La Regione Piemonte ha indicato come soluzione sostitutiva l’offerta, previa verifica da parte di Regione Piemonte a Trenitalia, dal treno 6111, che ferma a Novi Ligure alle 7:05 con  possibilità di farlo fermare a Genova Sampierdarena intorno alle 7:50.

Altro argomento caldo discusso è stato la futura chiusura della linea Novi Ligure – Tortona, dovuta ai cantieri del Terzo Valico (per il momento non calendarizzata) che porterà non pochi problemi ai pendolari novesi lavoratori e studenti diretti a Milano e Pavia. Per studiare le possibili soluzioni future il Commissario Straordinario per il Terzo Valico ha nominato un consulente tecnico che dovrà collaborare con autorità locali e Trenitalia / RFI e con il quale a breve verrà programmato un incontro informativo.

A termine dell’assemblea è stata discussa con i membri dell’Associazione l’opportunità di entrare a far parte, sia come Associazione sia come membri individuali, dell’Associazione Assoutenti Liguria, con la quale il Presidente Andre Pernigotti avrà un incontro in settimana.

Federica Riccardi

Print Friendly, PDF & Email