Grande vittoria del piccolo commercio: stop all’imperialismo dei centri commerciali

0
760

 

Non sarà più possibile l’insediamento

di Grande Distribuzione.

La Giunta: salvata la Cittadella, tutelato il commercio

 

Il Consiglio Comunale ha approvato, nella seduta di questa mattina, la “Deliberazione di Approvazione degli indirizzi e dei criteri comunali di programmazione urbanistica per l’insediamento del commercio al dettaglio in sede fissa in attuazione del D.lgs. 114/98, della L.R. 28/99 e dei disposti della DCR 563-13414/1999, come da ultimo modificati con DCR 191-43016/2012 (Delibera GC n. 148/4250N -187)”, come modificata dall’Emendamento presentato dai Consiglieri di maggioranza con primo firmatario il consigliere comunale Daniele Coloris.

L’assessore allo Sviluppo Territoriale e Strategico, Marcello Ferralasco, ha illustrato come tale documento di indirizzo della pianificazione territoriale comunale sia previsto dalla normativa vigente che dispone, per i Comuni, l’adeguamento dei propri strumenti.

Gli indirizzi previsti in tale Deliberazione, come ha sottolineato l’Assessore, sono sostanzialmente trasposizione della normativa regionale mentre altri sono più specifici territorialmente.

Già approvato nella Commissione Sviluppo del Territorio di ieri, il provvedimento ha tenuto conto dei pareri espressi dalle Associazioni di categoria Ascom e Confesercenti e si pone come presupposto per creare strumenti urbanistici essendo stato inserito nel percorso, già avviato, della variante urbanistica cosiddetta ‘produttiva’.

La Deliberazione ripropone l’addensamento A5, già elaborato dalla precedente Amministrazione come proposto dall’allora assessore al Commercio Manuela Ulandi, nella zona di Astuti.

L’unica differenza è rappresentata dall’accoglimento dell’Emendamento che elimina l’area L2 denominata ‘ex Osterietta’, ossia la possibilità di creare un nuovo ipermercato: questo evita di dare corso ad una localizzazione di grande distribuzione che avrebbe compromesso irreversibilmente l’utilizzo del territorio occupando, con insediamenti commerciali, migliaia di metri quadri vicini alla Cittadella.

La Giunta comunale ha, quindi, recepito le indicazioni del Consiglio Comunale in merito alla salvaguardia delle aree marginali dagli insediamenti di grande distribuzione e, in particolare, con la cancellazione dell’area di grande distribuzione in fregio alla Cittadella, si è andati nella direzione della tutela della peculiarità di una struttura di grande pregio e interesse storico.

 

Print Friendly, PDF & Email