15.7 C
Alessandria
giovedì, Settembre 23, 2021

Collaborazione Politecnico-Dairi. Dall’Oculistica alla riabilitazione gli esempi di trasferimento

 

Collaborazione Politecnico-Dairi: l’ingegneria biomedica e biomeccanica per il miglioramento della qualità della vita di pazienti

Dall’Oculistica alla riabilitazione gli esempi di trasferimento tecnologico a favore della salute

 

Consolidare i rapporti ufficializzati con l’accordo quadro stipulato fin dalla fine del 2019 e promuovere attività di ricerca con particolare riguardo al settore biomedico: la collaborazione con il Politecnico di Torino rappresenta una ulteriore azione del DAIRI, (Dipartimento Attività Integrate Ricerca e Innovazione diretto da Antonio Maconi) per potenziare la ricerca, anche nell’ottica del percorso verso l’Irccs. La scorsa settimana si è svolto un incontro tra i professionisti di PoliTo e Dairi che ha visto la ridefinizione delle attività: tre i dipartimenti del PoliTO coinvolti (DIMEAS Dipartimento Ingegneria Meccanica e Aerospaziale, DENERG Dipartimento Energia, DISAT Dipartimento Scienza Applicata e Tecnologia) con i quali sono state approfondite le aree di interesse nel settore dell’ingegneria biomedica e biomeccanica: le tecniche di produzione e di caratterizzazione di materiali e dispositivi, l’applicazione della fisica applicata e dell’elettromagnetismo al settore medico e la modellizzazione termofisica e termochimica dei biosistemi. In particolare all’incontro erano presenti il Prof. Alberto Frache, Referente del Rettore per i rapporti con la sede periferica di Alessandria, che ha presentato il polo alessandrino, il Prof. Gianluca Ciardelli  che ha fornito un aggiornamento in merito allo sviluppo di materiali, rivestimenti e dispositivi per la medicina e la chirurgia, illustrando il Biomedical Lab di Alessandria, il Prof. Umberto Lucia che ha illustrato due importanti progetti i cui risultati saranno presto direttamente applicabili a beneficio di pazienti affetti da disturbi motori e disturbi della visione, con la relazione dal titolo “Risonanza termofisica in sistemi biomedici”, il Prof. Alberto Fina che ha relazionato su “Materiali polimerici nanostrutturati” e il Prof. Marco Actis Grande “Funzionalizzazione di superfici in ottica antibatterica”.

 

Nei mesi precedenti allo scoppio della pandemia da Covid, erano state rinnovate le basi della longeva collaborazione (i primi atti risalgono al 2007): prima una visita dei professionisti dell’Azienda Ospedaliera alla struttura alessandrina del PoliTO, poi una giornata di studio con la presenza dei Rettori di PoliTO e UPO, finalizzata alla condivisione delle esperienze e delle aree di collaborazione tra le varie realtà. Fin dal 2010 il dialogo tra PoliTO e Dairi aveva prodotto risultati concreti, a partire dall’opercolo cranico, uno degli elementi più interessanti della storica collaborazione: effetto della sinergia tra Azienda Ospedaliera di Alessandria, Politecnico di Torino e il Consorzio Proplast, l’opercolo cranico aveva visto tutto il percorso di ricerca, dalla generazione dell’idea, con la collaborazione tra medici e ingegneri e le numerose prove sperimentali, fino alla messa in commercio del prodotto.

 

Negli anni si sono susseguite le convenzioni, cui hanno fatto seguito accordi specifici, fino all’ultimo rinnovo, in una serie di progettualità che hanno generato esiti stimolanti: tra i progetti più significativi si evidenzia la linea di ricerca dedicata allo studio delle proprietà meccaniche corneali, allo studio biochimico del sistema visivo, compreso il nervo ottico, strettamente legata ai professionisti dell’Oculistica, tra cui  Mariarosa Astori ed Emilio Rapetti (frutto della convenzione con il Dipartimento di Energia di PoliTO), i cui risultati hanno portato ad un relativo brevetto, oggi principale brand di una start up innovativa biomedicale che propone nuove tecnologie atte a risolvere diverse problematiche di salute.

L’altra progettualità in corso, per la quale è stata formalizzato uno specifico accordo attuativo nel settore della medicina fisica e riabilitazione, ha come oggetto di studio le principali patologie del sistema nervoso centrale e periferico dell’adulto e dell’età evolutiva nonché delle patologie degenerative e traumatiche dell’apparato muscolo-scheletrico dell’adulto e dell’età evolutiva; ad oggi, ha visto lo sviluppo di un plantare per la stimolazione neuro riabilitativa motoria, ancora in fase di progettazione, utile al recupero funzionale della deambulazione in soggetti con disturbi motori.

 

“L’intesa con PoliTO – spiega Antonio Maconi – è esemplificativo di come un’azione sinergica possa stimolare importanti occasioni di confronto, sviluppo ed approfondimento, nonché di sostegno e promozione di progetti in settori di comune interesse, con particolare riferimento al settore biomedico. I risultati, realizzati anche grazie alla costanza dei professionisti in questi anni, sono oggi evidenti dai progetti in corso, che saranno ulteriormente implementati. Il PoliTO rappresenta una delle realtà scientifiche più importanti del territorio alessandrino, l’accordo quadro stipulato è stato redatto in maniera dettagliata ed approfondita, e si presta ad una collaborazione su diversi fronti, con condivisione di strumentazioni, personale, dati e know how. Continueremo ad operare anche per individuare bandi e linee di finanziamento tramite i grant office e mettere in comune alcune delle attività già integrate con il DISIT, anche creando gruppi di lavoro specifici, sulla scorta delle parole che i due Magnifici Rettori avevano espresso prima del Covid. L’obiettivo comune è continuare a realizzare iniziative e progetti sia nella ricerca scientifica sia nella didattica per diffondere quella “cultura della ricerca” che va a beneficio dell’intera comunità”.

Fausta Dal Monte
Giornalista professionista dal 1994, amante dei viaggi. "La mia casa è il mondo"
0 0 voti
Valutazione articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
- Advertisement -

Popolari

Social

4,523FansMi piace
3,520FollowerSegui
2,512FollowerSegui
Zapping sfoglia PDF online
Zapping Casa sfoglia PDF online
Zapping da Leggere sfoglia PDF online

Ultimi articoli

0
Vorremmo sapere cosa ne pensi, scrivi un commento.x
()
x