3.8 C
Alessandria
martedì, Gennaio 18, 2022

C’era una volta il 25 aprile.

Il 25 aprile 1945 l’Italia si liberava dell’occupazione nazista e finiva il ventennio fascista. Festa della liberazione da un periodo di morte, caduti in guerra, lotte partigiane e un Paese di macerie da rifare. Festa della Liberazione e inizio della democrazia. Numerose le commemorazioni in tutta Italia per ricordare quel giorno e soprattutto il suo significato. Sono passati 68 anni e troppe volte democrazia sembra essere una parola decantata ma priva di contenuto. Quegli italiani sono morti tanti anni fa  per un’idea d’Italia diversa da come è oggi. L’Italia “democratica” è quella dell’arroganza dei corrotti e dei corruttori, dei potenti impuniti, dell’ingiustizia sociale, dei colpevoli che applaudono al canuto gentiluomo che li redarguisce quasi a prenderlo in giro: paradosso di un’esteriorità coincidente con una ancor più squallida sostanza. E l’Italia va, non si sa dove, non si sa come, mentre con una corona di fiori commemora quei morti, quegli uomini e donne in bianco e nero di una fotografia del passato, non appartengono più a questo mondo, non perché siano morti ma perché questo mondo non è quello per cui hanno combattuto.

Fausta Dal Monte

Articolo precedenteIl 25 aprile ad Acqui Terme
Articolo successivoAltro che ponte…
Fausta Dal Monte
Giornalista professionista dal 1994, amante dei viaggi. "La mia casa è il mondo"
0 0 voti
Valutazione articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
- Advertisement -

Popolari

Social

4,523FansMi piace
3,520FollowerSegui
2,512FollowerSegui
Zapping sfoglia PDF online
Zapping Casa sfoglia PDF online
Zapping da Leggere sfoglia PDF online

Ultimi articoli

0
Vorremmo sapere cosa ne pensi, scrivi un commento.x
()
x