3.7 C
Alessandria
mercoledì, Dicembre 8, 2021

Cave: marcia indietro?

Il sindaco di Alessandria, Maria Rita Rossa, ha inviato stamattina a Sergio CHIAMPARINO, Presidente della Giunta Regionale, ad Antonio SAITTA, Assessore regionale alla Sanità, ad Alberto VALMAGGIA, assessore regionale all’Ambiente, e per conoscenza al Dott. Gilberto GENTILI, Direttore Generale A.S.L. e all’Ing. Angelo ROBOTTO, Direttore Generale di A.R.P.A. Piemonte, la nota che trasmettiamo integralmente:

“OGGETTO: Inserimento di cave presenti sul territorio del Comune di Alessandria tra i siti di deposito del materiale proveniente dal primo lotto di lavori del “Terzo Valico”. Richiesta di definitivi chiarimenti tecnico – scientifici.

Come noto, l’Amministrazione comunale di Alessandria ha partecipato alla conferenza dei servizi per la realizzazione dell’opera “TERZO VALICO”, di livello strategico nazionale, esprimendo parere favorevole all’anticipazione temporale dell’utilizzo di alcune cave presenti in zona Spinetta Marengo, (quali cava Bolla, cava Guarasca 1 e 2, cava Clara e Buona) tra i siti di deposito del materiale proveniente dal primo lotto di lavori. Tale parere è subordinato a precise prescrizioni, fra le quali la realizzazione di un’ampia area boschiva per la rinaturalizzazione e la difesa ambientale dell’intera zona.
Allo stesso tempo, ha inteso ribadire agli Organi preposti alla tutela della salute pubblica e ai controlli ambientali di assumere tutte le misure necessarie a garantire che sia messo in atto ogni possibile accertamento tecnico legato alla caratterizzazione ambientale dei materiali prodotti dai lavori e dei siti di destinazione, affinché possa essere data piena assicurazione e risposta positiva a tutte le legittime preoccupazioni della Cittadinanza in merito alla eliminazione dei rischi ambientali connessi con il deposito nelle cave di materiali inquinanti diversi.
Il dibattito pubblico che è seguito a tale parere favorevole – peraltro parere solo complementare al Soggetto amministrativo responsabile esterno all’Amministrazione comunale e ispirato anche a principi generali di leale collaborazione con lo Stato – ha messo in evidenza come la preoccupazione per la decisione presa sia estremamente elevata.
Non solo. In occasione di alcuni incontri pubblici e dai resoconti giornalistici conseguenti, è emerso che gli Organismi tecnici preposti al controllo e summenzionati non sappiano come ridurre o eliminare tale preoccupazione, ma – al contrario – Essi sono risultati incerti e in qualche modo confermativi di potenziali rischi.
Tale situazione non è accettabile dall’Amministrazione comunale di Alessandria, Organo politico che deve confrontarsi con le scelte politiche effettuate, ma che certamente non può e non deve sopperire ad incertezze tecniche sull’argomento.
In considerazione di un così delicato interesse pubblico, quello sella salute pubblica e della difesa ambientale, mi vedo costretta a sollecitare le SS. LL. affinché i rispettivi Organi tecnici dichiarino inequivocabilmente se sono o meno in grado di assicurare i controlli utili e necessari per eliminare definitivamente ogni rischio per la salute e l’ambiente.
In caso contrario, mi vedrò costretta a rivedere le decisioni adottate.
Ringrazio anticipatamente per l’attenzione e resto in attesa di un cortese e sollecito riscontro alla presente”.

Fausta Dal Monte
Giornalista professionista dal 1994, amante dei viaggi. "La mia casa è il mondo"
0 0 voti
Valutazione articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
- Advertisement -

Popolari

Social

4,523FansMi piace
3,520FollowerSegui
2,512FollowerSegui
Zapping sfoglia PDF online
Zapping Casa sfoglia PDF online
Zapping da Leggere sfoglia PDF online

Ultimi articoli

0
Vorremmo sapere cosa ne pensi, scrivi un commento.x
()
x