Due rarissime immagini dell'attore russo-americano Yul Brinner, da tutti ricordato come 'pelato'

Frase del giorno 

La prima decina di anni ti forma come bambino. La seconda come adulto. La terza come uomo. (Joël Dicker) 

Santi del giorno

San Benedetto (Abate, protettore di agricoltori, contadini, architetti, ingegneri, chimici, speleologi), San Chetillo (Sacerdote), San Drostano di Deer (Monaco), Santa Olga di Kiev (Granduchessa).

Accadde oggi

  • 1899 nacque la Fiat. Vide la luce a palazzo Bricherasio (Torino). Il conte Emanuele Cacherano di Bricherasio e l’avvocato Cesare Goria Gatti, uniti dalla passione per i motori, riunirono una trentina di notabili piemontesi (tra cui Giovanni Agnelli), rilevando la ‘Ceirano’, azienda artigianale, per dar vita a un grande gruppo industriale. L’11 luglio fu firmato l’atto notarile, con un capitale di 800.000 lire (circa 10 milioni € di oggi). L’anno dopo uscì la prima vettura, la “3½ HP” e il nome divenne FIAT (Fabbrica Italiana Automobili Torino). Dal 1902 iniziò la dinastia Agnelli col senatore Giovanni, che prese la guida del gruppo.
  • 1982 l’Italia vinse 3° Mondiale“Campioni del Mondo” ripetuto 3 volte da Nando Martellini accompagnò il trionfo azzurro dopo la finale di Madrid vinta 3-1 sulla Germania Ovest (Rossi, Tardelli, Altobelli). Dopo 44 anni l’Italia tornò sul tetto del mondo, 12 anni dopo la finale di Mexico ’70.

Nati famosi

  • Yul Brynner (1920-1985), Russia, attore. Nato a Vladivostok da famiglia ebraica, Julij Borisovič Bryner emigrò con la madre in Cina, poi in Francia, arrivando in Usa nel ’40. Naturalizzato, diventò Yul Brinner. Nel ’46 debuttò in teatro a Broadway, poi al cinema. La fama arrivò con ‘Il re ed io’ (’56), con cui vinse l’Oscar. Nello stesso anno fu Ramesse II ne ‘I Dieci Comandamenti’. Memorabile il western ‘I magnifici sette’ (’60). Gran fumatore, morì di cancro ai polmoni. Sposato 4 volte, ebbe 5 figli: Yul II (’46), Lark (’59), Victoria (’62), Mia (’74) e Melody (’75).
  • Teddy Reno (1926), Italia, cantante e produttore. Nato a Trieste da nobile famiglia di origine austro-ungarica, Ferruccio Merk Ricordi prese il nome d’arte nel ’46, durante una tournée in Germania con l’orchestra di Teddy Foster: nome del maestro e cognome del fiume tedesco. Nel ’48 fondò la CGD (Compagnia Generale Disco), che diffuse i suoi successi radio. Nel ’68 sposò in Svizzera la cantante Rita Pavone, 19 anni più giovane, ebbero 2 figli e diventarono entrambi ‘naturalizzati’.
  • Giorgio Armani (1934), Italia, stilista. Nato a Piacenza, è uno dei più quotati stilisti nel mondo. Fondatore dell’omonima casa di moda, nel ’14 ricevette il ‘Compasso d’oro alla carriera’, il più antico riconoscimento d’Europa nel settore del design. La sua ricchezza è stata valutata da ‘Forbes’ circa 8.9 miliardi $ (2021), che lo rende il 5º uomo più ricco d’Italia e il 250º al mondo.
  • Lino Banfi (1936), Italia, attore. Nato ad Andria (BT) come Pasquale Zagaria, crebbe a Canosa di Puglia. Partì a 18 anni e si affermò nel varietà come ‘Lino Zaga’. A fine ’50 il grande Totò gli suggerì di cambiarlo e divenne Lino Banfi. Il successo arrivò con la commedia sexy all’italiana, di cui fu il re. In TV, a fine ’90, debuttò con ‘Un medico in famiglia’ nei panni di ‘Nonno Libero’. Nel privato sposò Lucia Lagastra (’62), dopo 10 anni di fidanzamento, ed ebbero 2 figli: Rosanna (’63) e Walter (’68).

Di Raimondo Bovone

Ricercatore instancabile della bellezza nel Calcio, caparbio "incantato" dalla Cultura quale bisettrice unica di stile di vita. Si definisce "un Uomo qualunque" alla ricerca dell'Essenzialità dell'Essere.