Lo scienziato americano Thomas Alva Edison inventò la lampadina e cambiò la storia dell'umanità

Frase del giorno

La nostra grande debolezza è rinunciare. Il modo più sicuro per avere successo è sempre provare ancora una volta. (Thomas Alva Edison)

Santi del giorno

San Pasquale I (Papa), San Castrense di Sessa (Vescovo e Martire), San Pedro De Jesus Maldonado Lucero (Sacerdote e Martire), Sant’Ardagno (Abate di Tournus), Sant’Elisa (Reclusa), Santa Sotere (Vergine e Martire), Santa Teodora di Costantinopoli (Imperatrice d’Oriente), Beata Vergine Maria di Lourdes.

Accadde oggi

  • 1929 firma Patti Lateranensi. Fu riconosciuto come Stato il Vaticano, che riconobbe Regno d’Italia e Roma capitale. L’accordo, formalizzato nella ‘Sala dei Papi’ di San Giovanni in Laterano, fu firmato dal card. Gasparri e da Benito Mussolini. Gli accordi furono modificati nel 1984 dal Nuovo Concordato, che tolse il cattolicesimo come ‘religione di stato’ e ne trasformò l’insegnamento da ‘obbligatorio’ a ‘facoltativo’, concedendo alla Chiesa il finanziamento con l’8 per mille e il diritto a istituire scuole di ogni ordine e grado. Firmarono il card. Casaroli e il premier Bettino Craxi.

Nati famosi

  • Thomas Alva Edison (1847-1931), Usa, inventore. Nato a Milan (Ohio), crebbe in una famiglia povera e abbandonò gli studi a 12 anni: vendeva giornali sui treni e faceva esperimenti elettrici, poi salvò il figlio del capostazione e ottenne il posto da telegrafista. Mise a punto uno strumento telegrafico a ripetizione, lo vendette e aprì un piccolo laboratorio privato. Inventò ‘fonografo’, ‘lampada elettrica’ e ‘cinetoscopio’, precursori di ‘registratore’, ‘lampadina’ e ‘proiettore’. Progettò la prima centrale elettrica di New York, che permise la distribuzione pubblica della corrente.
  • Mayy Ziyade (1886-1941), Palestina, poetessa. Nata nel Mutasarrifato del monte Libano, fu rappresentante della ‘Rinascita Araba’, portavoce con i suoi scritti delle rivendicazioni sociali delle donne. Considerata ‘pioniera del femminismo’ nel mondo arabo, tenne fitta corrispondenza col celebre scrittore libanese Khalin Gibran.
  • Ciro Ferrara (1967), Italia, ex-calciatore e allenatore. Nato a Napoli, giocò solo con Napoli e Juve  (680-35). Vinse 7 scudetti (2 Napoli, 5 Juve), 2 Coppe Italia (1 Napoli, 1 Juve), 5 Supercoppe (1 Napoli, 4 Juve), 1 Coppa Uefa (Napoli), 1 Champions, 1 Supercoppa Uefa, 1 Intercontinentale, 1 Intertoto ((Juve). In Nazionale (49-0) fu Bronzo Mondiale (’90) e Argento Europeo (2000). Allenò Juve, Italia U21, Samp e Wuhan (Cina) e fu assistente di Lippi nel Mondiale ’06.
  • Jennifer Aniston (1969), Usa, attrice. Nata a Sherman Oaks (California), è figlia di due attori (Anastassakis) e americanizzò il cognome in Aniston. Studiò recitazione, fece serie TV e debuttò nel ’93 con ‘Leprechaun’. Poi divenne ‘Rachel’ nella serie TV ‘Friends’, che le diede fama mondiale (Golden Globe, Emmy Award). Poi recitò in ‘Una settimana da Dio’ (’03), ‘Io & Marley’ (’08), ‘Come ti spaccio la famiglia’ (’13).
  • Alessandro Pittin (1990), Italia, sciatore nordico. Nato a Tolmezzo (UD), fu il primo italiano a vincere una medaglia olimpica nella combinata (sci di fondo e salto): Bronzo a Vancouver ’10. Nel gennaio ’12, in 3 giorni consecutivi, vinse 3 gare di Coppa del Mondo. Ai Mondiali di Falun ’15 vinse l’Argento nel trampolino normale e fu 4° a squadre.

Di Raimondo Bovone

Ricercatore instancabile della bellezza nel Calcio, caparbio "incantato" dalla Cultura quale bisettrice unica di stile di vita. Si definisce "un Uomo qualunque" alla ricerca dell'Essenzialità dell'Essere.