610 sfratti in sei mesi: emergenza casa

0
281

Emergenza casa in provincia. Il tema è stato trattato ieri alla Camera del Lavoro; in un convegno aperto dalla segretaria generale Cgil; Silvana Tiberti. «Siamo tuttora pesantemente dentro la crisi – ha detto -: famiglie rimaste senza casa perché messa all’asta o per morosità. La casa; va ribadito; è un diritto cardine della dignità delle persone». Bruno Pasero; segretario Sunia; il Sindacato degli inquilini della Cgil; ha poi fatto il punto. «Nel primo semestre 2011 gli sfratti sono già 610; contro i 786 dell’intero 2010 (503 nel 2009; 450 nel 2008). Le aste giudiziarie nel primo trimestre di quest’anno sono state 150; contro le 450 dell’intero 2010; mentre dal 2001 al 2010 l’incremento del costo mensile dell’abitare in affitto è stato del 230%. Le domande per una casa popolare nel triennio 2007-2009 sono state 2058; quelle assegnate 346 pari al 13;8% del fabbisogno». Il prefetto Francesco Castaldo ha sottolineato l’aspetto della «dignità; che si acquisisce e si tiene alta con il lavoro che; specie per i giovani; al momento non c’è. Gli interventi economici in favore dell’abitazione aiutano; ma non risolvono il problema». Serve un piano casa. Concetto ripreso da Franco Osenga; presidente del Collegio costruttori: «A essere in emergenza; oltre l’edilizia popolare; è l’intero mercato: nessuno compra più case né le ristruttura; c’è bisogno di programmi e idee nuove; soprattutto è indispensabile ‘’fare sistema’’». Franco Stramare; coordinatore regionale Sunia; ha aggiunto: «Da uno studio emerge che solo nei centri zona della provincia sono circa 17 mila gli alloggi sfitti (da utilizzare magari pensando a spese di riscaldamento e canoni d’affitto sopportabili); poi si potrebbero adeguare; per esempio; strutture del Demanio e della Curia da anni abbandonate». La Provincia – c’era la vicepresidente Rita Rossa – ha in animo di «istituire un tavolo per la locazione sostenibile e di allargare a tutta la provincia grazie al sostegno di Fondazioni bancarie (e magari delle banche) un fondo di garanzia; già istituito da Alessandria; che vada in soccorso delle famiglie in difficoltà». Anche l’europarlamentare Tino Rossi ha in progetto un piano di aiuti alle famiglie da proporre a Strasburgo: «Una sorta di ‘’cassa integrazione’’ per chi ha problemi di abitazione». «Ma – è stato infine ribadito – è urgente destinare risorse per un nuovo e più solido piano casa».

Print Friendly, PDF & Email