DIAB sport Day Alessandria

0
449

L’Amministrazione Comunale di Alessandria (con i rispettivi Assessorati alla Salute, allo Sport e alle Politiche Giovanili) ha conferito con particolare convinzione il proprio Patrocinio all’iniziativa (a partecipazione libera e gratuita) che si svolgerà oggi, sabato 15 ottobre in Cittadella, dalle ore 09.30 alle ore 17.30, e che — dietro la denominazione “DIAB Sport Day” — intende sottolineare l’importanza del rapporto tra diabete, sport ed esercizio fisico rivolgendosi direttamente ai bambini e ragazzi affetti da diabete mellito di tipo 1.

Si tratta di minori (dai 6 ai 18 anni) afferenti i Centri di Diabetologia Pediatrica non solo di Alessandria, ma di tutto il Piemonte e della Valle d’Aosta (con Aosta, unico Centro di Diabetologia Pediatrica della Regione).

L’evento è promosso da JADA, l’Associazione Diabetici Junior Onlus di Alessandria, insieme con i medici e tecnici del Centro di Medicina sportiva Marathon Center di Brescia, con la sezione di Alessandria del CAI-Club Alpino Italiano, con il CONI-Comitato Regionale Piemonte, con il FAI, con l’Associazione Diabete No Limits e con la Eli Lilly Italia.

La manifestazione vede peraltro il diretto coinvolgimento anche dell’ASL AL e dell’ASO (Azienda Ospedaliera SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo) di Alessandria che hanno anch’esse conferito il proprio Patrocinio al “DIAB Sport Day” 2016.

I promotori di questa manifestazione di rilievo regionale ci hanno messo tutto l’entusiasmo possibile per organizzare al meglio il “DIAB Sport Day” 2016 e l’intento è quello di offrire ai settanta/ottanta ragazzi con il diabete di tipo 1 che parteciperanno all’evento l’opportunità di riuscire a meglio comprendere le proprie capacità e inclinazioni sportive, in un contesto particolarmente suggestivo quale quello del Complesso monumentale della Cittadella di Alessandria.

Ad accompagnare i partecipanti durante il “DIAB Sport Day” 2016 saranno anche presenti tre testimonial sportivi: la nuotatrice Monica Priore e l’alpinista Marco Peruffo — entrambi diabetici — e la maratoneta olimpica Catherine Bertone.

Il primo obiettivo della Giornata sarà quello del rilascio del “Passaporto sportivo”: un documento che certifica per ogni singolo soggetto le rispettive capacità motorie e individua le sue predisposizioni, in base all’età, per avvicinarlo in tutta sicurezza alla pratica dell’attività sportiva. Il conseguimento di questo obiettivo è stato affidato allo staff di Marathon Center di Brescia, il Centro di Medicina Sportiva creato nel 1981 dal dr. Gabriele Rosa e che si occupa della valutazione funzionale e della preparazione sportiva di atleti in numerose discipline sportive, sia individuali che di squadra.

Quale secondo obiettivo, non meno importante, gli organizzatori hanno individuato quello di stimolare il più possibile i giovani con diabete tipo 1 ad ambire convintamente a praticare lo sport, sia per un miglior compenso glico-metabolico, che anche come vera e propria scelta culturale e per una migliore qualità della vita.

Sul versante clinico, l’attività fisica — oltre alla terapia insulinica e alla corretta alimentazione — rappresenta infatti il terzo caposaldo per garantire a questi soggetti di crescere sani nel fisico, di raggiungere il giusto livello di autostima, di non sentirsi esclusi, ma di poter svolgere e condividere in sicurezza qualsivoglia attività sportiva con i loro coetanei non diabetici.

Nella conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa è la domanda “Da gamba zoppa a gamba olimpionica?” uno dei fulcri metaforici da cui prendono spunto gli approfondimenti sul “DIAB Sport Day” 2016 in Cittadella.

«L’Azienda Ospedaliera di Alessandria — rappresentata da Massimo Desperati, Direttore Medico dei Presidi e Responsabile del Dipartimento Pediatrico Ostetrico —  riveste un ruolo di riferimento per le patologie pediatriche e, da sempre sensibile alle esigenze dei pazienti diabetici di qualsiasi età, da anni partecipa ad iniziative anche al di fuori di proprie strutture, come i campi-scuola per i ragazzi diabetici. Pertano, oltre al mandato istituzionale che viene svolto presso il Presidio Civile, sosteniamo attivamente l’attività motoria, strumento fondamentale per la riuscita della terapia».

In particolare, in riferimento alla domanda metaforica sopra citata, Riccardo Lera Responsabile dell’Ambulatorio di Diabetologia Pediatrica dell’ASO Alessandria sottolinea come «per tutti i Diabetologi pediatri il cruccio sia sempre quello: mentre in Ospedale è possibile dare un buon supporto alle famiglie dei bambini/ragazzi affetti da diabete di tipo 1 per quanto riguarda la terapia insulinica e l’alimentazione, l’attività fisica — cioè la “terza gamba” necessaria a mantenere in equilibrio il compenso metabolico — rimane sempre un po’ in ombra, come in disparte, difficilmente “propagandabile” con efficacia».

«Eppure — dichiara ancora il dr. Lera — senza quella “gamba” la terapia non funziona. Senza attività motoria e/o lo sport, quello “sgabello metabolico” sul quale si siedono questi ragazzi rimane storto e sbilenco, col rischio di cadere a terra».

«Sul versante che invece io rappresento, cioè quello delle famiglie dei bambini e dei ragazzi — sottolinea Debora Feroldi, Presidente dell’associazione JADA di Alessandria — desideriamo sottolineare i benefici del movimento per migliorare il livello di qualità della vita. Ma sopratutto, ci preme far conoscere il diabete e far sapere che avere il diabete non è un limite nella pratica di uno sport; per questo cerchiamo con l’evento del 15 ottobre in Cittaddella degli “alleati” nei diversi soggetti del mondo dello Sport, CONI in primis, affinché ci si adoperi sempre di più a rimuovere quelle barriere culturali che a volte scoraggiano o impediscono l’avvicinarsi di questi giovani alla pratica sportiva».

«Come Amministrazione Comunale — precisano l’Assessore Vittoria Oneto (Politiche culturali e Politiche giovanili) e Giancarlo Cattaneo (Vicesindaco e Assessore allo Sport) — riteniamo che iniziative di rilievo regionale come il DIAB Sport Day rappresentino delle importanti opportunità per questi ragazzi, per le loro famiglie e per l’intera comunità cittadina».

«Per questo — concludono gli Assessori Oneto e Cattaneo — insieme al Sindaco Maria Rita Rossa, non faremo mancare il nostro impegno affinché, grazie ad eventi come questo, si possa consolidare ulteriormente quella “rete” di attenzione, di sensibilizzazione culturale, di assistenza e di cura in grado di coinvolgere tutti, ciascuno con il proprio ruolo funzionale: dalle Istituzioni al contesto urbano e sociale, dalle associazioni di volontariato, alle scuole, alle società sportive».

«Un sogno?» ci si potrebbe domandare provocatoriamente. La risposta dei promotori e organizzatori è chiara a riguardo. «Si tratta di una vera e propria necessità — dichiarano a conclusione della conferenza stampa —. Una necessità che, per quanto riguarda lo sport, dovrebbe coinvolgere tutti i soggetti in età infantile e adolescenziale, indipendentemente dal diabete, visto l’alto livello di sedentarietà presente in Italia nella convizione che questa è salute, è vita… e, semplicemente, voglia di vivere».

Il programma dettagliato di “DIAB Sport Day” 2016 in Cittadella è il seguente:

Mattino:

  • Inaugurazione ufficiale della Giornata (ore 09.30)
  • Test attitudinali a cura dello Staff Marathon Center/Staff Medico-infermieristico;
  • Batterie di test attitudinali proposti sotto forma di giochi motori. L’obiettivo è quello di far ottenere ai giovani partecipanti affetti da diabete il “passaporto sportivo” che certifichi per ogni singolo soggetto le rispettive capacità motorie e individui le loro predisposizioni in base all’età, per avvicinarli alla pratica dell’attività sportiva in tutta sicurezza;
  • I genitori, durante i test attitudinali-sportivi potranno, a cura del FAI, visitare i Bastioni della Cittadella;

Pomeriggio:

  • Attività ludiche per i ragazzi a cura dello Staff Marathon Center;
  • Seminario sul tema “Esercizio fisico e Diabete” con la partecipazione dei rappresentanti istituzionali, del team diabetologico, delle associazioni di pazienti, del Marathon Center e di testimonial sportivi;
  • Consegna ufficiale del “Passaporto sportivo”.
Print Friendly, PDF & Email